giovedì 18 ottobre 2018

Recensione: "Tienimi con te per sempre" di Jodi Ellen Malpas, continua la serie This Man

Bentrovati lettori, 

Oggi esce un libro che aspettavo fin da quando ne avevo sentito parlare dall'autrice. "Tienimi con te per sempre" è il quarto, inaspettato, volume della serie uscita anni fa e nata come trilogia "This Man" di Jodi Ellen Malpas, che con il suo Lord Jesse Ward aveva conquistato ogni classifica e cuore di lettrice di erotic-romance. 


Trama: La vita di Jesse Ward è perfetta. Con il passare degli anni non ha perso il suo fascino, è in gran forma, e la passione con la moglie Ava è ancora intensa come il primo giorno. Jesse ha il pieno controllo della sua vita, e la cosa gli piace. Ma il  mondo gli si sgretola sotto i piedi quando Ava, il centro della sua esistenza, viene ferita in modo gravissimo in un incidente. In un attimo, tutto gli crolla addosso, facendolo precipitare in un vortice  di disperazione: sa di non poter sopravvivere senza l’amore della sua vita. E anche quando il peggio sembra passato e Ava si risveglia, Jesse si accorge che l’incubo non è finito. Sua moglie, infatti, non ricorda niente dei sedici anni trascorsi insieme. Jesse, ora, è un estraneo. Per lui, gli anni con Ava sono la cosa più preziosa che abbia mai avuto. E non è disposto a lasciar svanire i ricordi di sua moglie senza combattere. Farà tutto ciò che è in suo potere per aiutarla a ricordare. Anche farla innamorare di nuovo.

Jesse ha cinquant'anni, dovunque in qualunque momento è ancora il suo motto, ama Ava più della sua vita e le è riconoscente per i loro meravigliosi figli: Jacob e Maddie. Due gemelli che abbiamo incontrato solo da piccoli, ora sono cresciuti, una testarda ragazzina e un paziente e amorevole gemello. Due co-protagonisti in questo libro per quanto mi riguarda e spero vivamente di leggere un libro a testa su di loro fra qualche anno, le basi ci sono tutte!!
Prima di sapere dell'incidente che è menzionato nella trama, ci immergeremo nella quotidianità a distanza di dodici anni di Jesse e Ava. Poi l'incidente gli porta via una cosa essenziale agli occhi di ognuno di noi: i ricordi.

Ogni ricordo, ogni cosa costruita e creata in dodici anni insieme e anche sola, per Ava non sono nulla. Ha perso sedici anni della sua vita. I suoi ultimi ricordi sono di sedici anni prima, quando era giovane, aveva appena conosciuto un ragazzo ed aveva iniziato a lavorare, ora si ritrova ancora una Kate come amica, due figli e un marito che è un adone. Se non fosse per sua madre a cui crede ciecamente, stenterebbe a credere di aver sposato dopo pochi mesi un uomo del genere, non per la sua bellezza più per il suo caratteraccio. 
Jesse la guarda come se lei fosse la sua salvatrice e la sua rovina al tempo stesso. È un dare e avere, solo che Ava riesce a dare veramente poco e per Jesse è dura. C'è un legame, qualcosa di profondo che Ava non riesce a spiegarsi ma a cui vuole affidarsi.
La loro storia da sempre intensa all'ennesima potenza e un turbine di emozioni e sentimenti continua in questo quarto volume. 
Il loro rapporto è sempre stato per me un odio/amore. Mi spiego: molti dei comportamenti del Lord posso essere fraintesi o comunque non sempre sono azioni di una persona lucida secondo me, quindi va preso così come viene, in fondo è insostituibile. Anche in questo quarto volume su Jess e Ava, il nostro maschio alfa sarà in alcuni momenti da prendere a schiaffi. Ma inutile dirlo è anche un amante fantastico... Quindi l'importante è bilanciare la linea di finzione con la realtà. Perché se nella mia vita avessi incontrato un Jess Ward non sarebbe durato mezzo secondo... ma visto che si tratta di finzione, quasi tutto è concesso e fateveli dire... il Lord mancava da troppo tempo! 
Irragionevole, maniaco del controllo, possessivo e prepotente sono solo alcune delle caratteristiche di Jesse Ward.
È stato incredibile, il bisogno che pulsava Nel tuo corpo., riflesso speculare del mio. Era inevitabile, piccola. Una scintilla in attesa di esplodere. E, fidati, siamo esplosi.
Qualsiasi cosa la Malpas scriva è per me un capolavoro. Fino ad oggi non sono mai rimasta delusa. Con questo volume però, sono dovuta arrivare alla fine. Per buona parte del libro mi sono chiesta perchè avesse scritto e percorso questa strada, nuovamente con Jesse e Ava
Rivivremo i punti salienti della loro storia con la maturità di sedici anni dopo, e con Ava che crede di essere ingenua e timida, una persona diversa che è cambiata solo dopo aver conosciuto il lord tutte le parti di quella storia il bene e il male perché li hanno resi ciò che sono ora. 
Non credevo che la loro storia dovesse proseguire. L' inizio è lento, almeno per me è stato faticoso.
L'ottima attenzione ai piccoli dettagli, la caratterizzazione dei personaggi che mi lascia sempre esterrefatta quando si tratta della Malpas, mi hanno fatto proseguire in questa lettura. 
Il lord è sempre dispotico, con tutte le incongruenze che possono esserci, i tre romanzi più novelle li ho amati, non c è un altro lord, un altro personaggio maschile portato così all'esasperazione da farti innamorare di lui secondo me. 

Posso quindi affermare che dal 70% mi è piaciuto tantissimo, ho ritrovato il solito stile di scrittura della Malpas che amo. Leggere questo libro è stato comunque molto bello, ma non è riuscito a convincermi. Arrivare a superare i primi tre volumi, che mi hanno conquistata anni fa, per me è impossibile. La lettura è stata comunque piacevole, ho avuto l'opportunità di immergermi nella testa di Jesse Ward (e scusate se è poco), perchè il pov è alternato e prevalente è il suo maschile. 
Se avete amato il Lord anni fa o nei primi tre libri credo comunque che sia una storia che vada letta per mettere un punto. 

Il mio voto:


Lo leggerete?

Susan.

Review Party: "Ti odio sempre di più" di Kelly Siskind

Buongiorno lettori,

Esce oggi "Ti odio sempre di più" di Kelly Siskind per Newton Compton Editori, il secondo volume della serie "Over the top" iniziata con "Quante volte ti ho odiato" che ho già recensito. In questo volume conosceremo Lily e Sawyer, la timida e fidanzata bionda e il burlone (sexy) del gruppo.




Trama: Sawyer West è il classico tipo da una sola notte. Non crede nelle relazioni, nelle promesse… e di certo non crede nei sentimenti. Non si fa coinvolgere e non gli è mai importato abbastanza di qualcuno da decidere di mettersi in gioco sul serio. Almeno finché non ha incontrato Lily Roberts ad Aspen. Lei è dolce, gentile e disperatamente sexy. Una tentazione che sta mettendo a dura prova le regole di Sawyer. E come se non bastasse Lily lo guarda con occhi diversi da tutti gli altri, come se in lui vedesse qualcosa di buono… Da quando lavorano insieme, stare vicini ogni giorno è diventata una tortura, specie perché Sawyer sa che non può permettersi di perdere, con un passo falso, un’ottima grafica e l’unica donna che gli abbia mai fatto battere il cuore. Il fatto è che Sawyer vorrebbe tanto essere l’uomo che Lily merita, ma cambiare non è semplice e lui non vuole ferirla. Piuttosto che rischiare di spezzarle il cuore, è meglio che sia lui a soffrire…


Premetto che l'autrice sarà al Rare il prossimo anno a Roma e non vedo l'ora di incontrarla, con il suo primo volume mi aveva fatta ridere e innamorare di Aspen. Il libro "Quante volte ti ho odiato" è molto ironico ma con sfumature intense date dalla trama che mano a mano si scoprono... questo invece, non so come dire, l'ho trovato molto più doloroso e introspettivo. 

Da un protagonista come Sawyer mi aspettavo decisamente una storia diversa, non posso dirvi che mancheranno scene divertenti, perchè ci saranno, ma sicuramente la prima parte di questo libro è quella che mi è piaciuta di più per l'alta tensione sessuale che sprigionano le pagine.

Lily è come se vivesse nell'indecisione. Non sa come e dove trovare la forza per rompere con il suo ragazzo dopo una relazione di undici anni. E quando poi in città arriva Sawyer West, capo e collega stilista il perfetto mix per la commedia romantica è pronto! 

Colpita da Sawyer dal primo volume, visto che lui ha un umorismo impertinente in questo suo volume l'ho trovato comunque molto rispettoso nei confronti della bella ma fidanzata Lily. Ogni volta che Lily gli diceva che era fidanzata ritraeva le sue avances e si è dimostrato in grado di portare avanti un rapporto lavorativo amichevole.


Lily ha un animo gentile che risalta subito agli occhi indagatori di Sawyer, il suo voler dare spazio e una casa a cose abbandonate che sono state scartate e buttate via andando in giro per negozi d'antiquariato conquisterà Sawyer ancora più a fondo. 

Ma un senso di incomprensione attraversa Lily, come se nessuno conosca la sua vera natura. Nessuno è in grado di vederla, di capirla... solo Sawyer che riesce ad indagare nei suoi occhi grigi, nei suoi tic nervosi e a domandarsi cosa ci sia che la renda nervosa.

Il libro è pieno di se e di ma che fanno da contrasto a energia e desiderio.

Insicurezze, stranezze e calma accettazione saranno il cuore pulsante delle confidenze segrete che Lily e Sawyer si faranno a vicenda, uno dei momenti che più amato in questo libro, quando i due protagonisti si sono aperti a vicenza in una calma accettazione dei loro essere e del loro passato.

La scrittrice è in grado di tenere il lettore in tensione per pagine, la sua scrittura l'ho trovato in questo romanzo meno incalzante del primo, ma comunque è un libro che si legge facilmente e con poco tempo.  I pov sono alternati ed in entrambe le parti la Siskind è stata brava ad entrare in empatia con ognuno di loro. Seppur questo secondo suo libro non mi abbia fatta saltare sul divano come un'invasata, la sua scrittura e le sue storie mi piacciono. Probabilmente da Sawyer mi aspettavo qualcosa di diverso, ma non posso dire di essere stata completamente delusa, Lily e Sawyer hanno una storia molto bella e seppur semplice mi è piaciuta.

Il mio voto:


A presto!
Susan.

mercoledì 17 ottobre 2018

WWW...Wednesday #67 - Ginny, Luna e Virginia Edition.



Buon pomeriggio, lettori! L'autunno è, finalmente, arrivato e con esso ricomincia la nostra rubrica più amata, ma con qualche modifica. Ebbene, abbiamo deciso, essendo noi in 7, di rispondere alle tre domande della rubrica, a settimane alterne; ecco perché oggi saremo io (Ginny), Luna e Virginia a parlarvi dei libri che abbiamo in lettura, che abbiamo letto e che leggeremo!


 
GINNY
 
 
1) What are you currently reading?
 
 
 
 
Sto leggendo Nevernight di Jay Kristoff. Un libro meraviglioso, molto creepy ed inquietante, perfetto per il periodo di halloween. Era da tantissimo tempo che volevo leggerlo e, finalmente, mi sono decisa a farlo, anche perché ne sento parlare solo benissimo.
 
 
2) What did you recently finish reading?
 
 
 
 
Ho finito di leggere Figli di sangue e ossa di Tomi Adeyemi e, inutile dire che mi è piaciuto da morire. Ma ne ho già fatto la recensione che vi lascio QUI, quindi se siete curiosi di sapere cosa ne penso, nel dettaglio, vi basta cliccare.
 
 
3) What do you think you'll read next?
 
 
 
 
Ovviamente, penso proprio che continuerò a leggere la serie di Jay Kristoff. Leggerò, quindi, il secondo capitolo, Godsgrave, e non vedo assolutamente l'ora.
 
 
 
 
LUNA
 
 
1) What are you currently reading?
 
 
 
 
Al momento sto finendo di leggere 100 volte di noi di Eileen Ross, un' autrice emergente che apprezzo molto. Questa trama ha qualcosa di incredibile e particolare, per niente scontato e quindi rende il libro del tutto nuovo in questo genere che è sempre più trattato e rivisto. Sto apprezzando particolarmente i due personaggi principali e non vedo l'ora di scoprire come terminerà! A breve la recensione!
 
 
2) What did you recently finish reading?
 
 
 
 
Ho finito di leggere da pochissimo Il potere di Jennifer L. Armentrout, secondo libro della serie sui Titani. Devo ammettere che non mi ha per niente deluso e che rivedere Aiden e Alex mi ha riempita di gioia tanto che sto ancora metabolizzando ciò che è successo tra queste pagine! Poi, ovvio che ho adorato anche Seth e Josie ,i veri protagonisti del libro! Intanto vi lascio la recensione che potete leggere QUI 
 
 
3) What do you think you'll read next?
 
 
 
 
Su cosa leggerò dopo sono molto dubbiosa; credo che mi cimenterò in una lettura particolare come quella di Invictus di Ryan Graudin. La trama mi ispira moltissimo, il genere è un bel po' che non lo leggo, perciò direi che può essere la scelta migliore. Ero indecisa tra questo e Ritorno da te di Jennifer L. Armentrout, adesso che è uscito il terzo ed ultimo libro della serie. Sono davvero indecisa perciò vedrò con calma su quale buttarmi! Ma credo sul primo!
 
 
 
 
VIRGINIA
 
 
1) What are you currently reading?
 
 
 
 
In vista di un Review Party ideato proprio da questo blog, ho scoperto una scrittrice spagnola che non lascerò mai. Dopo "Nebbia a Tangeri" credo che divorerò qualsiasi altro titolo in spagnolo di Cristina Lopez Barrio. Un romanzo nel romanzo, ricco di suspance e colpi di scena, privo delle solite smielate storie d'amore... Ma il resto lo leggerete nella recensione.
 
 
2) What did you recently finish reading?
 
 
 
 
"La collezionista di meraviglie" di Valentina Cebeni. Una storia made in Italy, dal sapore particolare. Il ritorno alle origine, alla vecchia bottega di famiglia dove tra ninnoli e cimeli, anni prima, Dafne aveva scoperto di possedere un dono particolare. Quando il destino la riconduce a Torralta, la protagonista comprende di avere una doppia missione: ridare vita ai ricordi degli abitanti del piccolo borgo, e trovare la serenità.
 
 
3) What do you think you'll read next?
 
 
Altre lettura tutta italiana, quella de "L'intruso" di Luigi Bernardini. Una storia priva di finzione, non romanzata. Una fotografia della scomoda realtà che circonda le nuove generazioni.
 
 
 
 
 
 
 
 
Voi avete letto uno di questi romanzi? Che ne pensate? Cosa state leggendo?
 
 
 
 
*Ginny*
 


martedì 16 ottobre 2018

Recensione | [Review Party] Nebbia a Tangeri di Cristina López Barrio


Hello readers! Se come noi, siete convinti che il lunedì non sia tutto una festa... ma non riuscite a vedere la somiglianza tra il carnevale di Rio e il martedì, sappiamo come darvi la giusta carica per affrontare una nuova settimana!


Ma come danno un party delle lit-blogger?! Moltiplicando alla seconda... anzi, alla QUINTA una RECENSIONE IN ANTEPRIMA!
Eh si, quando dobbiamo festeggiare una nuova uscita, facciamo le cose in grande!
Abbiamo invitato altri cinque blog per parlarvi di
 "Nebbia a Tangeri
scritto da Cristina López Barrio,
 nuovo enigmatico titolo pubblicato oggi da DeA Planeta!

Titolo: Nebbia a Tangeri
Autore: Cristina López Barrio
Casa Editrice: DeA Planeta Edizioni
Genere: Narrativa
Data di uscita: 16 ottobre 2018
N° pagine: 330
Prezzo: Ebook € 9.99 - Cartaceo € 16.50

nebbia-a-tangeri-cristina-lopez-barrioTrama:
Un libro, Nebbia a Tangeri, e un nome, Paul Dingle, scarabocchiato su un taccuino. Sono gli unici indizi che Flora ha a disposizione per ritrovare l'uomo misterioso che, incontrato per caso in un bar di Madrid, le ha regalato emozioni che credeva sopite per sempre. Perché adesso che lo sconosciuto sembra sparito nel nulla, smettere di desiderarlo è come smettere di respirare: semplicemente impossibile. Così la prudente Flora si lascia tutto alle spalle e parte alla volta di Tangeri, per cercare l'autrice del romanzo e scoprire chi è davvero Paul Dingle, personaggio di carta e insieme protagonista in carne e ossa della notte che le ha stravolto la vita. Coinvolgente, esotico e pieno di svolte inattese, Nebbia a Tangeri è la storia di un doppio amore proibito che si snoda tra passato e presente. Per raccontare, attraverso un romanzo nascosto tra le pagine di un altro romanzo, la vertigine del desiderio e i misteri più profondi del cuore.


Ancora una volta la DeA Planeta stupisce i suoi lettori portando in Italia un titolo che non poteva assolutamente rimanere entro i confini spagnoli.
Flora Gascón è una donna che si avvicina alla soglia dei cinquanta, con una famiglia a metà: senza figli e con un marito che sfiora l'apatia, la donna si ritrova a fare il bilancio di una vita madrilena che non ha nulla di speciale.
Una serata tra amiche e tanto alchool, diventano per la donna un punto di svolta. Dopo aver trascorso la notte con un altro uomo, Flora non riesce a ritornare alla routine quotidiana, ha voglia di cambiare, di sentirsi viva come tra le lenzuola di quel hotel e di trovare il bel francese che è entrato di prepotenza nella sua mente.
Un nome, qualche storia forse fittizia e un romanzo "Nebbia a Tangeri", sono i pochi indizi che la convincono a comprare un biglietto di andata e ritorno per la mistica Tangeri.


Così, dalle prime pagine, Nebbia a Tangeri rapisce l'attenzione del lettore reale raccontando la storia di un lettore fittizio, alla ricerca di una storia iniziata e finita all'inizio del secolo scorso in una città che racchiude in sé un colori, odori e sapori di mille culture diverse.
Alla narrazione delle vicende di Flora a Tangeri, si alternano le pagine del romanzo che l'ha condotta fuori dalla vita comune. Entrano in scena nuovi personaggi: Marina Ivanovna, una donna dal passato contorto che non troverà mai la pace anelata; Samir, che da piccolo mendicante riesce a far avverare quello che aveva chiesto all'uovo di astrogodene, Paul Dingle - lo stesso Paul, o almeno così crede lei, che ha passato la notte con Flora a Madrid e Laila, la figlia di una shamana berbera.
Donne e uomini dal passato e dalla personalità che il destino ha portato nella Tangeri degli anni Venti e che una donna ha deciso di far reincontrare per sempre in una storia dal tragico finale.

Cristina López Barrio permette, innanzitutto, alla sua protagonista di esaudire uno dei desideri più anelati dai lettori: diventare parte del proprio romanzo del cuore.
La doppia narrazione si alterna in modo fluido, scorrevole, portando quasi il lettore a confondersi e chiedersi chi siano i personaggi reali e chi quelli fittizi, e a cercare la linea che separa storia da finzione.
La scrittura della López Barrio è in grado di coinvolgere il lettore, trasportandolo in mondo e in un'epoca nella quale la realtà sembra raccontare storie più inverosimili che il romanzo.
Quello che sorprende è con quanta maestria Cristina López Barrio tessa una storia che avanza a colpi di scena, arrivando ad essere una sorta di indagine romanzata, e allo stesso tempo ricca di particolari storici, letterari ed immaginifici che vi fanno venir voglia di comportarsi esattamente come Flora Gascón, saltando sul primo diretto per Tangeri alla ricerca dei personaggi del libro.

Dopo "Nebbia a Tangeri" ho provato il bisogno fisico di leggere qualsiasi altra cosa scritta da Cristina López Barrio!
Impossibile non assegnarle

e non straconsigliarvi di leggere subito "Nebbia a Tangeri"!

XOXO
Virginia

Review Tour: "Un Marine Per Sempre" di Silvia Carbone e Michela Marrucci [Recensione in Anteprima]

Buongiorno lettori, 

Oggi vi propongo la recensione, in anteprima, di "Una Marine per sempre" primo volume della serie "Destini intrecciati" di Silvia Carbone e Michela Marrucci. Nei prossimi giorni avrete sicuramente modo di poter leggere altre recensioni di altri blog su questo romanzo in arrivo domani per la Quixote edizioni.


Trama: Due lutti a distanza di pochi giorni distruggono la vita di Josephine, giovane e attraente ufficiale dei Marines: la prematura perdita del padre, Colonnello dell'Aeronautica americana, e la morte di Travis, l'amore della sua vita, durante una missione in Afghanistan, la spingono a congedarsi prima del tempo e abbandonare la vita militare. Trascorso un anno da quei giorni bui, però, Joe riagguanta le redini della propria vita. Riprende gli studi, ma il destino le gioca un brutto scherzo: per conseguire il master è costretta a fare ricerche informatiche all'interno della base militare Miramar di San Diego. Qui conoscerà il capitano Callhan Meyer, e tutta la serenità che Joe credeva di aver ritrovato scoppierà come una bolla di sapone. Tenere lontano Cal e la strana e incontrollabile attrazione che li lega si dimostrerà più arduo del previsto. Chi ha tanto sofferto ha paura di tornare ad amare, ma non si può resistere per sempre al richiamo dei sentimenti, né ai desideri del proprio corpo.

Ho conosciuto queste due meravigliose autrici grazie a "The Pleasure", romanzo uscito qualche mese fa per Harper Collins. Finalmente Michela e Silvia sono riuscite ad ottenere i diritti sui loro romanzi "youfeel" e li hanno rieditati con nuovi contenuti per la Quixote edizioni. In questo primo capitolo, che spero non si distanzierà troppo dagli altri, conosciamo Callhan e Josephine. Un sexy marine di San Diego e una ragazza determinata e tutta un fuoco. 

Josephine è legata al ricordo di Travis, il suo porto sicuro e l'unica persona che le era rimasta dopo la morte del padre e che da quattro mesi la tormenta nei sogni. Un dolore e una colpa immensa che trafigge ogni volta Josephine quando i suoi pensieri volano al suo uomo, colui che l'ha sostituita in missione per farla partecipare al funerale del padre. Un senso di colpa che le ricorda che l'unica persona da incolpare per la sua morte è lei stessa.
Per studiare il software militare di cui ha bisogno per l'ultimo esame del master deve recarsi a Miramar, la base aerea Top Gun.
Aveva giurato di non mettere più piede in una base militare e invece si trovava al punto di partenza... persino eccitata.
Qui incontrerà il Capitan Meyer. Un sensuale marine capace di infuocare i pensieri di qualsiasi gentildonna.
Nessun uomo era riuscito a farle abbassare le difese come lui, soprattutto dopo la morte di Travis.
L'Attrazione fa da padrona, Joe è scostante ma è soltanto una "copertura" visto il suo passato doloroso che ancora brucia come una ferita fresca.
Entrambi hanno un bagaglio emozionale importante che si trascinano dietro.


La scrittura è in terza persona, una tipologia che trovo sempre affascinante e sempre di più in via d'estinzione.
Colin, Lizzy e gli altri sono stati introdotti in questo libro e le autrici sono state brave a dare piccoli accenni sulla storia di ognuno incuriosendo il lettore. Fateli uscire subito perchè sono curiosa!!
Vi sentirete smarriti scivolando nelle pagine, un po' come i protagonisti, sconvolti da rivelazioni e da un passato che non demorde a lasciarli andare.
Un libro capace di toccare le corde del mio cuore,  una semplicità che ha reso la storia un'attrattiva ai miei occhi interessante.
Questa tenacia in grado di combattere anche l'arroganza; il passato e il destino sono stati capaci di tenermi incollata alle pagine che sono volate via in poco tempo. 

Non so come fosse la versione precedente, per cui quali siano i nuovi contenuti, ma posso affermare che questa versione è stata una bellissima lettura. Leggera e incalzante mi ha tenuta compagnia e mi ha fatto apprezzare nuovamente la scrittura a quattro mani di Michela e Silvia.

Il tempo delle parole è finito, lasciatevi trasportare dalla seducente scrittura di Michela e Silvia in un universo fatto di Marines, donne che che non si piegano, forti e combattive, nelle storie che hanno un risvolto d'azione e di suspense. 
Leggere questo libro è stato come trovarmi a casa. Confortevole e autentico.
Insegna che non è un male desiderare di essere felici e sentirsi amati.

Il mi voto:


A presto!

Susan.

venerdì 12 ottobre 2018

Release Blitz: "A... come amore" di Serena Brucculeri per Darcy edizioni

Buongiorno lettori, 

oggi vi segnalo l'uscita di A... come amore di Serena Brucculeri per Darcy Edizioni nella giornata di oggi!

Ieri ho fatto la recensione in anteprima di questo romanzo a cui sono molto affezionata! 

Sotto trovate tutti i dati del libro più il PROLOGO! ;)


Titolo: A…  come amore (1° volume Stand alone della Never forget series)
Autore: Serena Brucculeri
Editore: Darcy edizioni
Genere: contemporary romance
Pagine: 497
Costo: 2,99€ - in pre-order e il primo giorno a 0,99€ - cartaceo 16€
Data di uscita: 12 ottobre
Trama:
Jensen odia le donne. In seguito a una scottatura con la sua ex ragazza, pensa che siano tutte uguali e decide di restare single, rimorchiandone una a sera senza mai impegnarsi. 
Melody è una mamma a tempo pieno, non è interessata alle avventure di una notte, vuole solo pensare al suo bambino e al lavoro. 
Jensen e Melody saranno costretti a lavorare fianco a fianco a un progetto e, nonostante le ritrosie e i pregiudizi iniziali, scopriranno entrambi che le prime impressioni non sono quasi mai esatte. 
Una sera, complice la forte attrazione che li lega, tutto cambia e i limiti che entrambi si sono imposti vengono infranti. Riusciranno, però, ad avere un futuro, nonostante il loro passato? Una storia che fa sognare e battere il cuore, perché l'amore può essere imprevedibile, può far rinascere o distruggere.

Biografia: Serena Brucculeri, nata a Mantova nel 1974, lavora come insegnante alla scuola Primaria. È sposata, ha due figli maschi e un gatto persiano dal pelo arancione, maschio pure lui. È lettrice compulsiva di romanzi rosa e, come ogni donna, fa i salti mortali per cercare di conciliare famiglia e lavoro. Il suo primo romanzo è Alla ricerca di te. Oltre il sentiero del cuore, pubblicato nel mese di giugno dello scorso anno. Il secondo romanzo è Sotto un cielo pieno di stelle, pubblicato in febbraio del corrente anno. Ha partecipato anche all’antologia di beneficenza Ogni giorno è Natale.
Potete trovarla su Facebook:





PROLOGO:

Jensen


Un anno prima

Ci sono alcune giornate che più di altre vanno vissute appieno e questa è una di quelle. Esco dall’ufficio più motivato che mai e raggiungo l’auto per dirigermi subito a casa, dove sono sicuro che troverò lei ad aspettarmi. È arrivato il momento di condividere con la mia donna una decisione che ho meditato a lungo e mi faccio coraggio mentre avvio il motore e stringo il volante tra le mani, desideroso di raggiungerla al più presto.
Sono tre anni che io e Lauren stiamo insieme. È entrata a far parte della mia vita in modo graduale, impadronendosi lentamente degli spazi del mio appartamento e di conseguenza del mio cuore. Ci siamo trovati in sintonia fin dall’inizio della nostra frequentazione, non è stato difficile in realtà: è una bella donna, una di quelle che ti metti a fissare con desiderio se le vedi passare per strada, e la nostra intesa sessuale ha un’importanza rilevante all’interno del nostro rapporto.  Abbiamo molte cose in comune, oltre alla passione per il buon sesso, come per esempio la determinazione a tenerci stretti i nostri rispettivi spazi, le amicizie, il tempo libero. Non siamo una di quelle coppie appiccicose, lei non è mai stata soffocante con me. È per questo che penso di essermi innamorato di Lauren poco tempo dopo che abbiamo iniziato a frequentarci. Per questo ho deciso di chiederle di sposarmi, perché aspettare? Sono convinto che ormai dovremmo dare una svolta al nostro rapporto. 
Okay, qualcuno dirà che il matrimonio è come un cappio al collo, per cui la libertà a cui entrambi teniamo potrebbe correre dei rischi. Non ne sono convinto però. Perché non trascorrere il resto della propria vita con qualcuno che ti fa stare bene e perché non dichiararlo al mondo intero, in modo ufficiale, che lei è destinata a me? 
Sorrido al pensiero della sua possibile reazione alla mia inaspettata proposta e metto la freccia per parcheggiare la macchina di fronte a casa. Scendo dall’auto, faccio scattare la chiusura centralizzata e avanzo determinato e fiducioso verso la porta.  Ho programmato tutto alla perfezione: sono rientrato prima dal lavoro per farle una sorpresa, voglio che sia tutto perfetto.
Entro in casa e la chiamo, una, due volte, ma lei non risponde. Penso che sia sotto la doccia, così mi scappa un sorriso e inizio a sfilarmi la giacca. È eccitante l’idea di chiederle di diventare mia moglie mentre le afferro i seni tra le mani, sotto al getto d’acqua, intanto che le tiro i capezzoli come piace a lei. Proseguo silenzioso fino al bagno, quando dalla camera da letto sento provenire delle voci. Chi c’è con lei? Curioso di capire con chi sta parlando, apro la porta e la trovo lì, a cavalcioni su di un lurido stronzo che si dimena come una sanguisuga. 
Cazzo! Sono in preda a un’allucinazione? Quel verme è steso sul mio letto, dalla mia parte del materasso, la tiene stretta per i fianchi e affonda dentro di lei come un forsennato.
«Che cazzo sta succedendo?» mi ritrovo a urlare, mentre entrambi si voltano nella mia direzione.  


Vi abbiamo incuriosito?

Susan.

INTERVISTA - Dieci domande a Serena Brucculeri

Buongiorno lettori, 

Avete già letto la mia recensione in anteprima di "A... come amore" di Serena Brucculeri?
Esce oggi per la Darcy edizioni, e io sono profondamente orgogliosa di questo libro, tra le recensioni trovate il mio pensiero!
Partiamo subito con le dieci domande a Serena!



1)Cosa ci vuoi dire di te?
Ciao a tutti, ringrazio tantissimo Sara per lo spazio che mi viene concesso. Di me posso dire che sono una moglie e una madre di due figli maschi. Insegno alla scuola primaria e adoro leggere romanzi rosa; mi piacciono anche gli erotici quando ben scritti e con una trama coinvolgente. Da un po’ di tempo a questa parte ho scoperto una passione sfrenata per la scrittura. Sono sempre stata una sognatrice, una persona con la testa tra le nuvole, a cui piace sognare ad occhi aperti. Così un giorno mi sono detta: perché non provare a mettere su carta le storie che immagino? E così è successo. Sono caotica, disorganizzata, ansiosa e impulsiva; mi piace riempirmi di cose da fare, ma poi non so mai da dove partire, per cui annaspo sempre per tentare di portarle a termine tutte. Ma adoro ciò che faccio e sono felice della piega che ha preso la mia vita. E sono una tipa romantica, molto.

2)Il personaggio a cui tieni di più o a cui sei più legata?
Il personaggio a cui sono più legata è sicuramente Jensen Harper, non tanto perché protagonista del mio nuovo romanzo, quanto perché ci ho lavorato così tanto nella sua caratterizzazione, per renderlo credibile, che lo sento mio sul serio e mi ci sono proprio affezionata.

3)Chi o cosa ti ispira?
Devo ammettere che non c’è un qualcosa o qualcuno in particolare che ispirano la stesura delle mie storie. Diciamo che ho una mente molto fervida; fin da piccola ero così, una tipa con molta , per cui mi figuro personaggi e situazioni per una nuova trama, di solito, quando arrivo all’incirca a metà della stesura del romanzo che sto scrivendo.

4)Il tuo libro del cuore
Adoro Susan Elisabeth Phillips, penso che sia la migliore per quanto riguarda la narrativa rosa. Ogni volta comunque che mi rivolgono questa domanda, io rispondo sempre L’incastro imperfetto di Colleen Hoover. Un libro che ho adorato, insieme a Forse un giorno.

5)Cosa non ci sarà mai in un tuo romanzo?
In un mio romanzo non troverete mai un finale triste, questo senza ombra di dubbio.

6)Non so se lo sai, ma Malibu ha un posto speciale nel mio cuore... Come mai per questo tuo ultimo lavoro hai scelto una location così suggestiva?
Ho immaginato una storia ambientata in un posto caldo e soleggiato, un luogo di mare dove fosse possibile creare situazioni particolari. Alcuni penseranno: okay, ma anche Cuba o la Giamaica sono
luoghi che presentano tali caratteristiche. Perché proprio Malibu? Innanzitutto perché adoro gli Stati
Uniti, anche se, purtroppo, non li ho ancora visitati; inoltre avevo comunque bisogno, ai fini della storia, di inserire personaggi e vicende in un contesto fatto di orari di lavoro, scadenze, impegni e ritmi serrati, che non appartengono di certo alla vita che si svolge ai Caraibi.

7) Dicci come, dove e perché leggere Jensen Harper!
Jensen Harper, ogni volta che lo nomino mi viene da sospirare e portarmi una mano al cuore neanche fossi una dama dell’ottocento! Jensen Harper è un personaggio che adoro; oltre ad essere bellissimo, è scorbutico, scontroso, allergico alle relazioni (a causa di una triste esperienza che lo ha visto coinvolto) e anche un tantino stronzo, scusate il termine, ma rende bene l’idea. In base a ciò che ha vissuto, si è messo in testa che le donne servono solo a divertirsi tra le lenzuola. È diffidente e un po’ egoista. Come ho già detto, non è stato per niente semplice parlare di Jensen e renderlo secondo l’idea che mi ero fatta di lui nella mia immaginazione. Altrettanto complicato è stato scrivere successivamente del suo cambiamento e di come, alla fine, si riveli un ragazzo adorabile, da stringere forte e non lasciare mai più.

Il libro è acquistabile su tutte le piattaforme in formato ebook e troverete già anche il formato cartaceo!



8)Qual è la cosa più difficile per una scrittrice?
Sicuramente essere in grado di trasmettere al lettore le stesse emozioni che si provano mentre si scrive. Riuscire a creare, insomma, un varco in cui fare transitare con facilità emozioni dall’autore al lettore, un libero accesso ai sentimenti insomma.

9)Scriveresti mai un romanzo a quattro mani? E un MM?
Sì, scriverei certamente un romanzo a quattro mani. Ho già discusso della proposta con una cara amica, bravissima autrice, e chissà, con il tempo, cosa salterà fuori.
Per quanto riguarda gli MM, questo è un genere che non ho mai letto e né conosco, penso che non sarei capace di scrivere questo tipo di storie, forse perché non le sento molto vicine.

10) Cosa stai leggendo in questo momento? E stai già lavorando a qualche altro romanzo?
Sto leggendo il quinto romanzo della serie Manhattan di Sarah Morgan, e sto già lavorando al seguito di A... come amore. Saranno quattro stand alone e nel secondo capitolo della serie vedremo protagonista Ralph, migliore amico di Jensen Harper.


Seguite Serena e la Darcy edizioni sui social per rimanere sempre aggiornati!
Serena Brucculeri, pagina Facebook:
https://www.facebook.com/serenabrucculeriscrittrice/
Darcy edizioni Pagina Facebook:
https://www.facebook.com/darcyedizioni/


A presto!

Susan.



giovedì 11 ottobre 2018

Blog Tour: "La tela russa" di Sonia Perin

Buongiorno lettori ♡
Oggi ospitiamo il Blog Tour di La tela russa di Sonia Perin!
Pronti ad addentrarvi nel tema di questo misterioso romanzo?




L'amore che nasce tra un terrorista e un'agente segreto, e i sentimenti altruistici che questi provano verso gli altri protagonisti della storia. Il tema è un attentato ordito dall'isis con l'aiuto di una cellula terroristica russa ai danni della città lagunare. Sulle navi da crociera vengono imbarcati, mescolati ai passeggeri i terroristi. Vengono imbarcate le armi che sfuggono ai controlli e si dirigono a Venezia schiantandosi su alcune parti della città e uccidendo un grande numero di persone isolate dal crollo del ponte della Libertà fatto crollare con la dinamite. I servizi segreti giungono appena in tempo per evitare la totale distruzione della città. 


E ora le Regole per il giveaway:

1. Mettere mi piace alla pagina autrice: 

2. Iscriversi hai blog: 

3. Commentare tutte le tappe

4. Condividere tutte le tappe taggando almeno 3 amici

Alla fine del giveaway verrà estratto un vincitore che vincerà una copia cartacea del libro.

Non perdetevi le altre tappe di questo Blog Tour e scoprite cosa riserva questo affascinante romanzo!!

Lothìriel

Review Party "La buia discesa di Elisabeth Frankenstein" di Kiersten White: un nuovo volto di un classico della fantascienza!

Buon pomeriggio lettori! 
Oggi ospitiamo il review party de 
"La buia discesa di Elizabeth Frankestein" di Kiersten White  e io sono a dir poco emozionata!
Ringrazio tantissimo la Harper Collins per la possibilità di leggere in anteprima questo meraviglioso romanzo.


Trama :


La piccola Elizabeth Lavenza non mangiava un pasto decente da giorni e le sue braccia erano coperte di lividi quando il giudice Frankenstein l’ha portata via dall’orfanotrofio e da una vita di maltrattamenti perché diventasse la compagna di giochi di suo figlio Victor, un ragazzino cupo e solitario che aveva tutto, tranne che un amico. Victor era la sua salvezza, l’occasione per sottrarsi alla miseria, e da quel giorno Elizabeth, decisa a non lasciarsi sfuggire l’opportunità di cambiare in meglio la propria esistenza, ha fatto tutto ciò che era in suo potere per rendersi indispensabile. E ci è riuscita: la famiglia Frankenstein l’ha accolta, le ha dato una casa, un letto caldo in cui dormire, buon cibo e vestiti bellissimi. Lei e Victor sono diventati inseparabili. Ma quella nuova, meravigliosa vita ha un prezzo. Con il passare degli anni, Elizabeth ha dovuto imparare a convivere con il temperamento violento di Victor, ad accontentare ogni suo capriccio, ad assecondarlo nei suoi vizi. Perché dietro gli occhioni azzurri e il sorriso dolce si nasconde in realtà il cuore calcolatore di una giovane donna decisa a sopravvivere a qualunque costo… anche quando il mondo che credeva di conoscere sprofonda nelle tenebre.


Recensione:

Chi non conosce la famosa storia del dottor Victor Frankenstein e del suo mostro? 

Il racconto di Mary Shelley, nato da una semplice scommessa tra amici, è diventato un classico della fantascienza in grado di appassionare il mondo intero. Un romanzo forte e d’impatto, le cui tematiche mi hanno sempre intrigato e al tempo stesso spaventata. Fin dove è disposto a spingersi l’uomo per diventare padrone e creatore unico della vita? Amo queste riflessioni, soprattutto se legate alla tecnologia, quindi quando ho letto di un retelling di questo grande classico, non mi sono tirata indietro. Vorrei rassicurare i dubbiosi: per esperienza personale, alcune rielaborazioni possono regalare letture veramente piacevoli. In realtà, La buia discesa di Elizabeth Frankestein non è una  semplice rilettura della storia di Frankestein in chiave moderna, bensì una storia parallela a quella che già conosciamo, raccontata dal punto di vista tutto al femminile.
Adottata in tenera età da Madame Frankenstein, Elizabeth Lavenza comprende subito da cosa dipenderà la sua sopravvivenza: calmare l’animo inquieto di Victor. La fanciulla è un personaggio diretto e schietto; sa che per ottenere quello che vuole, protezione e una vita lontana dalla miseria, deve usare le armi che la vita ha messo a sua disposizione: intelletto e bellezza. Elizabeth cresce al fianco di Victor, assecondando inconsapevolmente il suo lato bestiale e diventandone medicina personale contro la rabbia. Cosa farebbe lontano dalla sua medicina il figlio maggiore dei Frankenstein?
Di questa protagonista femminile ho apprezzato tutte le sfumature. Elizabeth non è la classica ragazza dolce ed innocente, è arguta, intelligente, e in certi momenti, arriva a comportarsi anche in modo “meschino”. Un personaggio inusuale, che rompe lo schema della quieta fanciulla non conscia della realtà che la circonda, che lascia al protagonista maschile il compito di far evolvere la storia. Elizabeth diventa parte fondamentale nella vicenda del mostro e in quella di Victor, riscrivendone le sorti nell'ombra.

Anche Victor è un personaggio interessante e in grado di affascinare. Sin da bambino la sua mente è curiosa e perspicace, ma in modo… sbagliato. Quando a causa della stessa malattia che gli aveva già portato via la madre, rischia di dire addio per sempre alla sua “amata”, la follia prende possesso della sua mente. Victor si rivela essere un personaggio crudo, violento, calcolatore che mostra uno dei lati più tremendi dell’amore deviato, quello del possesso. Elizabeth appartiene a lui e solo a lui, e nemmeno la morte sarà in grado di strappargliela via. Perseguendo questa concezione deviata di amore, dà vita alla famosa creatura che poi egli stesso definisce un abominio. Ma chi è il vero mostro? La creatura o l’uomo che ha sfidato la morte pensando di portela vincere? Ed Elizabeth, di fronte a tutto questo, cosa deciderà di fare? 

Sono rimasta sbalordita dalla capacità dell’autrice Kiersten White di riscrivere una storia parallela alla più famosa, ma non meno convincente e avvincente. Una rilettura che non vuole in alcun modo sostituirsi alla precedente, ma solo ampliarla. Un progetto ambizioso senza dubbio, ma decisamente ben riuscito. Una nuova prospettiva della vicenda di Shelley, nella quale la protagonista lotta per se stessa e per la sua vita, rimanendo incastrata nella follia del suo salvatore.
La scrittura della White è intrigante, dinamica, in grado di coinvolgere a tal punto, da farmi terminare, o meglio, divorare il romanzo in un unico pomeriggio. Perché tutti conosciamo il finale dell'esperimento di Victor e del suo mostro, ma Elizabeth? Qual è stato il suo ruolo in questa storia?

Il mio voto è: 

Mi raccomando non perdetevi le altre recensioni! 

Jane

Recensione in anteprima: "A... come amore" di Serena Brucculeri [BlogTour + Giveaway]

Buongiorno lettori,

in quest'ultima tappa del Blog Tour avrete la mia recensione in anteprima di "A... come amore" di Serena Brucculeri in uscita domani per Darcy edizioni. Pronti a scoprirlo?


Titolo: A…  come amore (1° volume Standalone della Never forget series)

Autore: Serena Brucculeri

Editore: Darcy edizioni

Genere: contemporary romance

Pagine: 497

Costo: 2,99€ - il primo giorno a 0,99€ - cartaceo 16€ - Gratis con KU

Data di uscita: 12 ottobre

Trama:
Jensen odia le donne. In seguito a una scottatura con la sua ex ragazza, pensa che siano tutte uguali e decide di restare single, rimorchiandone una a sera senza mai impegnarsi. 

Melody è una mamma a tempo pieno, non è interessata alle avventure di una notte, vuole solo pensare al suo bambino e al lavoro. 

Jensen e Melody saranno costretti a lavorare fianco a fianco a un progetto e, nonostante le ritrosie e i pregiudizi iniziali, scopriranno entrambi che le prime impressioni non sono quasi mai esatte. 

Una sera, complice la forte attrazione che li lega, tutto cambia e i limiti che entrambi si sono imposti vengono infranti. Riusciranno, però, ad avere un futuro, nonostante il loro passato? Una storia che fa sognare e battere il cuore, perché l'amore può essere imprevedibile, può far rinascere o distruggere.


Seguite tutte le date del Blog Tour perchè alla fine ci sarà una sorpresa!

Per chi non lo sapesse, sono molto legata a questo romanzo, l'ho letto che era solo un file word ma subito me ne sono innamorata. Serena Brucculeri è stata capace di rapire la mia mente "romance dipendente" senza farla mai cadere nei cliché. 
Jensen e Melody sono i protagonisti di questo romanzo, una coppia che fin da subito prevede scintille, passione, confronti e tanto tanto amore. 
Jensen è un uomo bello, con gli occhi verdi che ha subito una grande delusione nel suo passato da parte di una donna che credeva importante per lui. 
Melody è la mamma single di Ricky, un bambino di quasi sette anni capace di farvi innamorare, ma non è solo questo. Lei è una ragazza, pardon donna, da 110 e lode, è capace e astuta, la migliore della sua classe, un asso nella manica per la nuova azienda in cui ha deciso di lavorare. Ed è per questo che si trova nella soleggiata Malibu, con il vento fra i capelli, il suo bambino che corre spensierato nella sabbia, un nuovo amico a quattro zampe e un nuovo collega sexy che veste gli abiti del suo uomo ideale. 
Si incontrano e si scontrano sul lavoro e fuori casa; e se adorate anche solo un porzione di quanto amo io i loro incontri casuali, non riuscirete a staccarvi dalle pagine.
"Ci siamo solo io e lui qui e tutto il resto è divenuto uno scenario sfocato."

Sono protagonisti in grado di farvi innamorare, di farvi sorridere e di far scaldare anche i cuori più duri. È un libro dolce, senza malizia. La scrittura di Serena è semplice, ma pur sempre scorrevole e incalzante. 
Tutti i personaggi, anche quelli secondari saranno capaci di farvi affezionare a loro, tutti ben caratterizzati sapranno trasportarvi in una Malibu assolata e spensierata.
"Jensen Harper rappresenta il mio sogno proibito e mi fa quasi paura tutto questo scombussolamento che mi mette addosso."

Uno dei lati che ho preferito di Melody è questa sua naturalezza, genuina e pur sempre attraente agli occhi degli altri, ma che mette in discussione spesso il pensiero delle donne abitualmente frequentate da Jensen (quelle ragazze perfette: bel corpo, bei capelli, bel sorriso e ben vestite) che sprizzano sicurezza e sensualità da tutti i pori. 

Pagina dopo pagina le distanze che Jensen si è imposto di mantenere si sgretoleranno e la sua determinazione nel stare lontano da Melody andrà a scemare mano a mano.
Il pov è alternato e per quanto Jensen sia un uomo ormai che vede le donne solo come "merce fresca" fin dall'inizio capiremo quanto di buono c'è in lui. In ogni sua azione trasparirà, infatti, l'attenzione ai sentimenti, il pentimento che prova quando risponde male e in modo brusco. 
Anche Melody inizia ad intravedere in lui qualche lato che la affascina, sotto quel corpo già tanto sexy che l'ha colpita inizialmente. Mano a mano che i giorni passeranno per entrambi sarà sempre più difficile non sorridersi e non arrendersi alla compagnia reciproca. 

Serena è in grado di raccontare una storia dei giorni nostri come se fosse una fiaba. Il suo stile è dolce e composto, come se non volesse mai fuoriuscire dai binari, ma che riesce sempre a trasportarvici sopra senza fatica. 
Non avrete botte di adrenalina, ma una storia capace di far innamorare. Una storia che racconta moltissime realtà moderne. Mamme single che si riaffacciano agli appuntamenti, che sono abituate a far fronte alla crescita di un bambino da sole. Donne capaci di tirare fuori le unghie quando serve, capaci di non demordere, e soprattutto in grado di rialzarsi per loro stesse e per i loro bambini. 

L'epilogo è uno dei più belli mai letti, è il classico da romance e da romanticona, ma ha a me ha saputo strappare qualche lacrima. 

Come un faro nella notte vi illuminerà le giornate. Diretto, sicuro e  emozionante è un libro da avere, che ha un posto speciale nella mia libreria e nel mio cuore. 

Leggetelo, per non farvi mancare quel tocco romantico in più che non guasta mai. 

Il mio voto:



Pronti per la sorpresa?

Regole:

  • iscriversi ai blog partecipanti
  • condividere le tappe del blogtour su Facebook
  • commentare ogni tappa di ogni blog e nell’ultima lasciare la propria mail per essere contattati in caso di vittoria (Questa è l'ultima! Lasciatemi la mail nei commenti!!)
  • Avete tempo per commentare l’ultima tappa l’11 ottobre fino alle 22.30. Il vincitore verrà annunciato nella giornata del 12 ottobre.



Cosa si vince?
Un gadget del romanzo!!



Susan.

Recensione: "Il ritmo perfetto" di Jordan Marie [ReviewTour]

Buongiorno lettori, 

Pronti per una nuova giornata di review?
Oggi vi parlo de "Il ritmo perfetto" di Jordan Marie in uscita per Hope edizioni, primo libro della serie Lucas Brothers




Trama: Prendi un uomo che ottiene sempre ciò che vuole, una donna che ha imparato a non desiderare, una madre e dei fratelli pazzi… E oh, sì, aggiungi una puzzola solo per rendere le cose interessanti e potresti avere “Il ritmo perfetto".CC
Gray Lucas è tutto ciò che odio in uomo. Arrogante, ricco, privilegiato e playboy. È un’atleta professionista e le sue imprese sono leggendarie… Una sono io.
Abbiamo avuto l’avventura di una notte ed è stato selvaggio, passionale, eccitante e un grosso errore. O forse no.
Perché più tempo trascorro con lui e la sua pazza famiglia, più voglio che rimanga…
Ma gli uomini non restano… Vero?
Gray
Nel momento in cui ho rivisto Claudia Cooper, le altre donne hanno smesso di esistere. È irriverente, coraggiosa e bellissima. È perfetta.
Sono l’uomo per lei, l’unico uomo per lei. Lei, però, ancora non lo sa.
Amale e lasciale. Questa è la mia reputazione; con le donne gioco duro, veloce e sporco.
Ciò che CC non sa ancora è che con lei non sto giocando. La sto rivendicando.

Quando ho letto la trama de "Il ritmo perfetto" ho pensato "è il libro fatto apposta per me!", proprio perché è il mio stile di lettura e sono sempre alla ricerca di nuove autrici che non conosco, Jordan Marie l'ho scoperta proprio in questo suo primo libro pubblicato in italiano dalla Hope Edizioni e ne sono rimasta colpita. 
La prima riflessione che ho fatto?
Perchè non ho mai letto uno sport romance con giocatori di golf se sono tutti fighi come Gray?
Ebbene sì, il nostro protagonista è un giocatore professionista, super playboy di golf. Ha nella sua storia persino un video porno con due giovani donzelle, ma la categoria di "Sport-romance" non avevo mai pensato ad accostarla ad un giocatore come lui.
Primo: i giocatori di golf sono solitamente vecchi, ma non Gray Lucas, oh no, lui è nel fiore dei suoi anni.
Secondo: i giocatori di golf hanno la pancia, ma non Mr. Grayson, lui ha addomilani d'acciaio.
Terzo: i giocatori di golf hanno una vita sedentaria (in fondo devono soltano prendere a bastonate una pallina), ma non il giocatore professionista Lucas che è capace di attaccare al muro e fare molte altre cose con i suoi muscoli molto poco convenzionali.
Conosciamo i protagonisti CC e Gray proprio sin da subito ed entrambi mi sono piaciuti molto. 
Li troviamo in un bar, in una città a scambiarsi battute e a cercare di resistere all'ormone impazzito che li attraversa.
CC è forte, determinata, odia i presuntuosi e i ricchi, e lui... è tutto ciò che lei non sopporta. 
L'attrazione è immediata per entrambi e lui vede CC come una sfida, lei con la sua boccaccia non riesce a non farsi desiderare non cadendo ai suoi piedi e lui sa bene come conquistare una donna, anche se CC è diversa. 
Il romanzo parte in quarta, subito c'è uno sprint che mi ha fatta rimanere attaccata alle pagine. Raramente il libro che leggo riesce a non farmi addormentare arrivato un certo orario, questo è stato un'eccezione.
L'attrazione è tangibile, ma a cui riescono a resistere, specialmente CC.
La curiosità reciproca li spinge a conoscersi, ed è la stessa che spinge il lettore a voler sapere di più sulla famiglia Lucas.
Gli appuntamenti non sono programmati, il destino ci mette lo zampino e le battute con ironia dirompente mi hanno trasportato in una meravigliosa realtà.
CC riuscirà a far implorare anche un tipo come Gray e la sua determinazione si affievolirà mano a mano, ma senza cadere (troppo) nei cliché.
«Ha tutto a che fare col sesso perché voglio farlo di nuovo... con te. Mentirei se dicessi il contrario, ma c'è di più. Potresti essere la prima donna che mi piace al di là del sesso. Sei divertente, sei intelligente, mi tieni sulle spine e non cerchi di adularmi solo per ottenere quello che vuoi»
L'ho trovato un bellissimo romanzo, un libro con protagonisti ben caratterizzati, ma non solo. L'autrice è stata in grado di racchiudere nelle pagine non solo la storia di CC e Gray ma anche di introdurre il lettore a far conoscere e a raccontare la storia di questa stramba famiglia. 
Sfido chiunque legga questo romanzo a non rimanere ossessionato, in senso buono, e appassionato di questa famiglia che sono certa ne avrà di cotte e di crude. Ogni personaggio ha una storia, sono tutti personaggi con spessore che riusciranno senza dubbio ad avere una loro storia e a far innamorare i lettori.
Come dicevo, tutto è ben bilanciato, dai momenti di sesso (ben descritti e abbastanza soft), la conoscenza reciproca, il passato svelato piano e l'ironia ben soppesata con le cicatrici del passato che hanno alterano la persona che è adesso CC.
CC è una protagonista determinata, spavalda e sorprende, anche se a volte, in alcune scelte ho faticato a impersonarla.
Gray è a mio parere un gran signore, intelligente e buono, non riesce a far soffrire le persone (anche le più odiose) e rispetto a CC ha le idee molto ben chiare fin da subito. 
Si ritroveranno dentro a questa cosa prima di rendersene conto e saranno capaci di far appassionare e sorridere il lettore con i loro battibecchi.
Troverete emozioni che mozzano il fiato e fermano il cuore, protagonisti capaci di far innamorare e ironia in grado di alleggerire la vostra giornata. Una lettura spensierata, in pieno stile romance, che è stata capace di trasportarmi in giro nei vari paesi e nella fattoria della famiglia Lucas. Ho apprezzato il fatto che non ci siano state troppe scene, troppo tecniche, sui campi da golf e/o in officina. 
Non ho condiviso pienamente questa reticenza a lasciarsi andare da parte di CC, la sua figura come dicevo l'ho amata e odiata, anche se principalmente mi è piaciuta ed è stata coerente. Gray riesce a dimostrare molto di più quanto ci tiene, ad aprire gli occhi e il cuore. Lei è spaventata dal futuro, dalle cerchie che dovrà frequentare, e non si lascia andare pienamente a questo giocatore di Golf che invece già stravede per lei.
Se siete alla ricerca di uno sport romance, con uno sport diverso dai soliti, leggetelo e non ve ne pentirete, perchè Jordan Marie ha uno stile fluido, la scrittura semplice e i capitoli brevi ma intensi che hanno saputo far breccia nel mio cuore. 

Il mio voto:


A presto!!

Susan.