lunedì 24 giugno 2019

[Anteprima] Follie Letterarie e il suo nuovo erotic romance: "Seta e Ombre" di Lauren Landish!

"Doveva essere tutta una finzione, ma la realtà si è rivelata molto più seducente."

Buongiorno cari lettori!
E' con piacere oggi che vi presento una nuova uscita firmata Lauren Landish
"Seta e Ombre" edito da 
Follie Letterarie Casa Editrice.


Genere: Erotic Romance
Data di uscita: 21 Giugno 2019.


Trama:

Norma Blackstone è una ragazza intelligente e volitiva che studia giornalismo all’università. Un giorno riceve l’incarico di fingersi la fidanzata di Zach Knight – stella nascente della squadra di football universitaria- con lo scopo di aiutare il giovane negli studi. Lei è non ha peli sulla lingua, mentre lui è bello, affascinante, sicuro di sé, e può avere ai suoi piedi tutte le ragazze che desidera.
Ma Zach non ha fatto i conti né con il carisma della ragazza né con l’attrazione irresistibile che divampa fra loro. Per i due giovani studiare in biblioteca non è mai stato così eccitante e fingersi fidanzati alla fine non è poi tanto faticoso, ma Zach nel frattempo si è fatto un nemico subdolo e pericoloso che è disposto a tutto, anche a fare di Norma la sua pedina, pur di rovinare il giovane sia sul campo da gioco che fuori dallo stadio.

E per voi un chicca speciale, un piccolo estratto:

[…] – Unisci le mani.
Lei sospira, ma mi offre i polsi e io glieli lego insieme. Avrebbe potuto rifiutarsi, come sempre, ma permettermi di prendere il controllo in un momento come quello è un gesto colmo di significato.
So che Norma è in preda a un conflitto interiore, ma ora è necessario uno guizzo di serietà che spezzi il nostro solito gioco.
Appoggia i polsi legati in grembo, ma io le sollevo le braccia e le aggancio al mio collo, portandomi faccia a faccia con lei. Il paraurti della macchina preme contro le mie ginocchia, ma ho bisogno di averla vicino per fare quello che ho in mente.


Allora, ne pensate di questa nuova uscita cari lettori?

Jane

domenica 23 giugno 2019

"Leggo a colori": la nuova collana per l'infanzia della Giraldi Editore

Buona domenica lettori!
Quest'oggi sono qui a presentarvi una nuova uscita un po' particolare. Si tratta di una nuova collana di  libri per l'infanzia edita da Giraldi Editore
Leggo a colori ha come obiettivo enfatizzare il valore educativo della lettura e potrete trovare i titoli di questa collana da metà giugno. I temi che potremo trovare nei loro volumi sono vari e tutti sono volti a promuovere l'immaginazione, la creatività e il senso civico dei piccoli lettori. 
Con periodicità trimestrale, gli argomenti su cui la casa editrice sta lavorando riguardano l'utilizzo di internet, la discriminazione, l'alimentazione.

Mentre dal 15 giugno 2019 potremo già trovare i primi due volumi di questa collana.

Curiosi di scoprirli?
Il termometro delle emozioni



Autori: Marzia Di Sessa e Giacomo Landi 
Titolo: Il termometro delle emozioni
Genere: Ragazzi
Collana: Leggo a colori
Casa Editrice: Giraldi Editore
Pagine: 32
Prezzo: 6,00€
Data di uscita: 15 giugno 2019

Descrizione:
Roberta è una bimba molto piagnucolona e Simone un bimbo che non sta mai fermo ma, pur non sapendolo, hanno molto in comune. In questa storia scopriranno le proprie emozioni e, chiamandole per nome, nascerà in loro una certa complicità che, assieme a un pizzico di magia, permetterà a entrambi di salvare la classe dal “Virus della rabbia violenta”.
Questa lettura permette di esplorare il mondo delle emozioni e di valorizzare le insegnanti riconoscendo loro un ruolo determinante nella gestione della classe. I disegni sono volutamente in bianco e nero per permettere ai bambini di colorarli seguendo le indicazioni date nel testo, allenandoli così a una maggiore attenzione e guidandoli in un viaggio introspettivo, così difficile per tutti ma ancora di più per i più piccoli.
Il bambino comincia a sperimentare e riconoscere le proprie emozioni vedendole per quello che sono, impara a comprendere il proprio stato emotivo e a comunicarlo agli altri nella maniera corretta e corrispondente a ciò che provano rispetto ai compagni di classe e agli adulti di riferimento.

STOP... è per la tua sicurezza



Autori: Marzia Di Sessa e Giacomo Landi 
Titolo: STOP... è per la tua sicurezza
Genere: Ragazzi
Collana: Leggo a colori
Casa Editrice: Giraldi Editore
Pagine: 32

Descrizione:
Si focalizza sui comportamenti corretti da adottare e su quelli scorretti da evitare in auto, in bici e a piedi. Realizzato in collaborazione con la Polizia Locale di San Lazzaro di Savena.


Cosa ne pensate di questa nuova collana?
Io sono davvero curiosa di scoprirla, soprattutto perchè dedicata ai piccoli lettori!


venerdì 21 giugno 2019

Recensione: "Colpo vincente" di Brit DeMille - I Las Vegas Crush sono arrivati!

Buongiorno meraviglie, 
vi avverto fin da subito: se volete rinfrescarvi, questo libro non fa al caso vostro!
Bollente come un super sexy campione di hockey questo romance vi infiammerà le giornate! 
"Colpo vincente" è il primo libro della serie Vegas Crush che arriva in Italia per Hope Edizioni. L'autrice è Raine Miller sotto pseudonimo Brit DeMille che ci regala gioie (calde e sexy) con "Colpo vincente".


Editore: Hope Edizioni
Genere: Sport Romance
Data di Pubblicazione: 14 Giugno 2019
Prezzo: eBook 3,99€

Trama: Questo fatto potrebbe giocare a favore della famosa ala dei Vegas Crush, il giorno in cui posa gli occhi sulla nuova social media manager della squadra. Per Holly Hunter, però, è tutta un’altra storia; frequentare un giocatore è molto rischioso, soprattutto se si vuole mantenere il posto di lavoro appena ottenuto, con la squadra più forte della NHL.
Holly ama la sua indipendenza e la sua carriera; sta bene da sola e non le serve altro. Non permetterà di certo a un giocatore di hockey, sexy e irresistibile, di sconvolgerla e di mettere a repentaglio il suo lavoro.
No. Non accadrà mai.
Nemmeno se lui è bello come un dio. Nemmeno se possiede un fascino tale da indurre in tentazione persino una suora. Nemmeno se Holly deve incrociare le dita dietro la schiena, ogni volta che gli ripete di non essere interessata a lui.
Le regole esistono per un motivo. Le regole non vengono stabilite per essere infrante. E non bisogna fidarsi dei giocatori sexy. Giusto?
I Las Vegas Crush sono la squadra di Hockey del momento e Holly inizia il suo lavoro come responsabile dei social media della suddetta squadra, è una sportiva ma non sa come si svolga una partita di hockey
Ovviamente, hockey equivale a giocatori sexy da urlo. Sbaglio? 


Non credo proprio immaginando Evan Kazmeirowicz
Potrebbe avere ogni donna che vuole, ma ormai ha puntato gli occhi sulla sua preda. Holly.
L'attrazione è immediata e scottante fin dal loro primo sguardo. 



Incalzante e coinvolgente è uno sport romance con un doppio punto di vista scorrevole. 
Come dovrebbe per il suo genere, lo sport è uno degli elementi principali, prendendo parte attivamente in tutto il romanzo, così come la musica. Anche questa è una costante dall'inizio alla fine che mi ha catturata e mi ha piacevolmente sorpresa per come è stata inserita e gestita in diverse parti. 

Una storia innocente e confortevole e la cosa che mi ha più colpita è sicuramente che la storia è semplice e non troppo architettata, ma ha saputo tirare fuori quel tocco in più capace di incollarmi alle pagine. 
Leggendolo ho provato moltissime emozioni e sono certa che non potrete non innamorarvi di Evan
Un ragazzo capace di corteggiare, oltre che a stare sui pattini e starci anche bene, amorevole e sincero. 
Una protagonista con la testa, ma che ha anche tanto cuore. 

Mi sono piaciuti molto i dialoghi, semplici ma ben costruiti. Così come i personaggi secondari che sono certa incontreremo nei prossimi libri. A proposito, datemi subito il secondo! 
Georg e Pam hanno moooolto da raccontare e prevedo scintille per la loro storia! 


Mentre la osservo allontanarsi, sento la bocca asciutta e la pelle bollente. È una sensazione strana e la avverto scorrere per tutto il corpo mentre inizio ad avere caldo. Come se mi salisse la febbre in una stanza ghiacciata. 
Non come un malessere. 
Più come un morso. 
Sono stato punto e il veleno si sta diffondendo dentro di me.
Troppo tardi perché possa correre ai ripari.

Una storia d'Amore con la A maiuscola. 
Dolce e sensibile mi ha appassionata dall'inizio alla fine! 
Era il libro di cui avevo bisogno! 

Il mio voto:


Pronti a immergervi nel mondo dell'hockey?



giovedì 20 giugno 2019

Recensione: In anteprima vi presentiamo " Lei" di Megan March secondo libro della "Sin Trilogy" !!

Buongiorno lettori, 

oggi in uscita per SEM Libri il secondo libro della serie “Sin Trilogy” ovvero “Lei” di Megan March. La settimana scorsa vi ho presentato l’uscita del mese scorso “Lui” ed eccoci già con il secondo, in più a Luglio uscirà anche “Loro” ultimo della serie. 



Trama:

“I Riscoff avranno anche il controllo della città, ma io sono stanca di sottostare alle loro regole. 
Se solo riuscissi a resistere a Lincoln Riscoff e a non cadere ancora una volta nel suo incantesimo...
Sono tornata qui a Gable in cerca di pace, ma i problemi sembrano inseguirmi. Quell’uomo mi ha rubato il cuore dieci anni fa, e non me l’ha più restituito. 
Insieme potremmo far ragionare le nostre famiglie, immaginare il nostro futuro. Anche se tenere a bada uno come Lincoln è come seguire di soppiatto un puma nella boscaglia, tirargli la coda e poi scappare sperando che non ti morda. Una cosa stupida, una follia. Ma così inebriante.
Il mio buonsenso me l’ha sempre detto: stai lontana da lui. Io però non riesco



Inizio con la fine, ovvero, vi consiglio vivamente la lettura di questo libro e di questa serie! Megan March non si smentisce, ancora una volta crea qualcosa di appassionante ed incredibile che in meno di due giorni ho finito, non per la banalità della storia ma per la sua fluidità ed intensità che trasmette. Se il precedente è stato molto introduttivo, finalizzato a permetterci di conoscere questi nuovi protagonisti, questo secondo parte davvero alla grande dandoci ancora modo di scoprire non solo il presente ma anche il passato di Whitney e Lincoln rispondendo a tantissime domande che ci eravamo posti, ma lasciandoci comunque con il fiato sospeso fino all'ultimo volume. 

Anche in questo romanzo la carica erotica è presente, ma non protagonista ed è nuovamente una cosa che mi ha permesso di apprezzare ancora di più il tutto, andando a posizionarsi tra i preferiti di quest'anno. 

Come anticipato nella prima recensione, che potete recuperare qui, la parte che più mi è piaciuta è stato il modo di spiegare ed introdurre i personaggi, anche in questo vengono presentati benissimo.

Vedremo una nuova Whitney più sicura di sé, che capisce quanto fino ad ora abbia perso scappando dalle situazioni difficili e che dopo tutto ciò che le è successo se ci crede e si impegna qualcosa di positivo arriverà. Sicuramente ho apprezzato questa sua crescita emotiva che l’ha resa meno donzella da salvare, e più una donna che si arrangia e non ha bisogno di mezzucci per riuscire ad arrivare ad ottenere ciò che sogna. Un personaggio ben descritto che non vedo l’ora di vedere come si muoverà nel titolo conclusivo. 

Lincoln, poverino direi, lo vedo sempre peggio. Diviso tra due fuochi da una parte la famiglia che ama, nonostante questi non lo apprezzino, l’unico che fortunatamente è davvero dalla sua parte è il Commodoro, gli altri sembra che godano a remare contro di lui e i suoi progetti. Harrison soprattutto è qualcosa di incredibile e intollerabile, un po' come Karma la cugina fuori di sé di Whitney. Non vedo l’ora di scoprire il vero motivo per il quale questi due odiano così tanto il rispettivo fratello e cugina, soprattutto perché questo astio era già presente 10 anni prima quando inizialmente i due protagonisti si frequentavano. Lincoln è sicuramente migliorato, si è ripromesso di proteggere e far felice Whitney, ma le lascia comunque il suo spazio dandole le liberà che merita. 

Questo libro ha un finale sicuramente inaspettato che terrorizza più di quello precedente non permettendoci di arrivare tranquilli a luglio quando uscirà finalmente “Loro” a concludere la serie. 

Libro di transito ma sicuramente ricco di contenuti. Non vedo l’ora di scoprire come finirà questa storia e se i nostri due innamorati riusciranno ad arrivare al tanto sognato Lieto fine. 

Non vi dico niente di più perché voglio lasciarvi il totale piacere della lettura! 






La serie "Sin Trilogy" è composta da: 


1. Lui. Principe Selvaggio - 30 Maggio 2019
2. Lei. Principessa di ferro - 20 Giugno 2019
3. Loro - 11 Luglio 2019









mercoledì 19 giugno 2019

Recensione: "Inseguendo il destino"di Terri E. Laine - Un romanzo tenero e pieno d'amore!

Buongiorno meraviglie, 
vi avevo già parlato di "Inseguendo l'amore", a un anno di distanza eccoci a parlare di "Inseguendo il destino" uscito qualche giorno fa per la Quixote Edizioni, secondo volume della serie Chasing Butterflies, anche questo è autoconclusivo! ;)


Prezzo: € 14,87 | Ebook: €  4,99 
Pagine: 305 
Genere: Contemporary Romance 
Editore: Quixote Edizioni 
Data di pubblicazione: 14 Giugno 

Trama: Una notte… un bacio… un tocco… cambierà ogni cosa. Chance Abbot è presuntuoso. Sexy. Bellissimo. È un giocatore sotto ogni punto di vista. Mi ha spezzato il cuore una volta e ho giurato che non gli avrei mai concesso una seconda occasione. Quando mi sorride, però, mostrando quelle fossette irresistibili o guardandomi come se fossi la cosa più bella che abbia mai visto, mi dimentico che non dovrei cadere di nuovo vittima del suo fascino. Brie Holloway è bellissima. Innocente. Indimenticabile. È tutto quello che ho sempre voluto e che non merito. Questo, tuttavia, non mi tratterrà dal cercare di riconquistarla. Così, quando lei ha iniziato a uscire con l’assistente del professore, ho promesso di mantenere il segreto, a una sola condizione: ogni volta che uscirà con lui, poi dovrà uscire anche con me. Sono pronto a farle capire che sono io quello giusto per lei, un appuntamento alla volta. Lui sta accendendo un fuoco nel mio cuore, sta abbattendo le mie difese e sta cercando di dimostrarmi che si merita una seconda occasione. Lei è tutto ciò che c’è di buono nel mio mondo e, se vuole che le dia la caccia, lo farò, perché è grazie a lei che ho iniziato a inseguire il destino…

"Inseguendo il destino" è la storia d'amore per eccellenza. 
Troviamo cuori spezzati e anime danneggiate dalle cattiverie, capaci di riconoscersi con un colpo d'occhio e di provare un'attrazione immediata. 
Brie e Chance hanno due vite lontane anni luce eppure appena i loro sguardi si incrociano sanno di appartenersi. 
"Iniziai a scrutare la folla, fino a quando poggiai lo sguardo su di lei. Era come l'area di meta, che mi invitava ad attraversare la linea che mi ero ripromesso di non superare mai più. Con il viso di un angelo e un corpo che avrebbe trascinato nel Peccato qualsiasi ragazzo, fui sorpreso che fosse da sola, senza che nessun ragazzo incombesse su di lei con un atteggiamento protettivo."
La narrazione scorrevole e incalzante ci racconta una storia d'amore bellissima, molto dolce e sensibile. Il punto di vista è in prima persona alternato e, per la prima volta, trovo un protagonista maschile molto coerente. 
Chance è, infatti, un bel ragazzo (non è ovvio?) ma per quante opportunità potrebbe avere non cede alle lusinghe. Lo stesso ragazzo che conosciamo all'introduzione del libro, ferito ma innamorato, fedele e paziente, rimane coerente allo studente che conoscerà Brie tempo dopo. 


Entrambi i protagonisti mi sono comunque piaciuti molto, li ho trovati ben caratterizzati e privi di contraddizioni. Sinceri e amorevoli hanno entrambi fatto breccia nel mio cuore.  
La tensione rimane alta per tutta la durata del libro, non c'è stato un momento in cui l'attenzione da parte mia sia calata ed è stato un fattore importante per una lettura piacevole e scorrevole.


Se lui avesse abbassato la testa, anche solo un pochino, le nostre labbra si sarebbero sfiorate. Il mio cuore si sarebbe sciolto e io gli avrei lasciato fare ciò che voleva; quello mi spaventava più di ogni altra cosa.
Una crescita di sentimenti e di emozioni
Rispetto a molti altri romance sarà graduale l'ascesa della conoscenza e non ci saranno battute d'arresto significative, cosa che ormai trovo sempre più di rado perché diciamocelo: è molto difficile mantenere alta l'attenzione senza i classici sbagli/incomprensioni/bugie che affollano le pagine circa all'80% dei libri romance. 
Mi stupisco ancora una volta di come la Laine sia capace di narrare una storia che avrebbe potuto risultare banale se non fosse stata scritta con la giusta armonia e il giusto tempismo. 
La sua scrittura mi aveva già convinta in "Inseguendo l'amore" e con "Inseguendo il destino" ho avuto modo di affermare quanto brava sia come scrittrice. 

Una storia per cuori sensibili. Per innamorarsi ancora una volta del romance, sincero e puro. 

Il mio voto:

Avete già letto qualcosa di Terri E Laine?



martedì 18 giugno 2019

Review Party: Arcana - Il castello dei destini sbagliati di Maurizio Temporin


Hello readers! Pronti per un titolo davvero particolare?!

Anche se approdato solo questa mattina nelle librerie, la casa editrice Mondadori ci ha permesso di leggere in anteprima

ARCANA - IL CASTELLO DEI DESTINI SBAGLIATI 

di Maurizio Temporin

e non vedevano l'ora di farvi leggere la nostra recensione!

Titolo: Arcana - Il castello dei destini sbagliati

Autore: Maurizio Temporin

Casa editrice: Mondadori

Genere: Fantasy

Data di pubblicazione: 18 giugno 2019

N° pagine: 284

Prezzo: cartaceo 19,99 € - ebook 9,99 €

Trama:

I tarocchi sono sempre stati usati per conoscere il futuro, ma se qualcuno sapesse usarli per cambiare il passato? 

Una ballerina di tango che non sente il dolore, un chirurgo estetico col debole per il gioco d'azzardo, una ragazzina misantropa, uno stunt-man masochista e un wedding planner dalla doppia personalità. Cinque sconosciuti, cinque persone troppo ferite e sole, disposte a tutto pur di ricucirsi addosso una speranza... Anche ad accettare misteriosi inviti, come quello di Ermete, un anziano in sedia a rotelle che vive in un castello tra le nebbie del Nord Italia. Il vecchio, che sostiene d'essere un mago, li ha scelti per farli diventare personificazioni di altrettanti Arcani Maggiori, allo scopo di creare un vero e proprio mazzo vivente, capace di modificare gli eventi. Ospiti e prigionieri della sua follia scopriranno fin dove sono disposti a spingersi pur di rimediare ai loro errori, anche a costo di non capire più quali siano i confini tra realtà e immaginazione.

Confessiamo che un libro come "Arcana - Il castello dei destini sbagliati" non è semplice da recensire. Maurizio Temporin è un abile narratore, e anche il lettore più audace farebbe fatica a star dietro alla sua penna. Le storie che crea vanno lette e rilette, e lette nuovamente e con maggior attenzione per scovare dettagli e nessi che sembrano voler giocare a nascondersi.

Se esiste un limite tra reale e invisibile, in Arcana questi si assottiglia, diviene una linea tracciata al carboncino, facilmente sfumabile. Un tratto fumoso che va a dipingere gli sfondi ricchi di dettagli di questa storia. Contrasti: ambientazioni dettagliate per una storia che oscilla tra il mistico e l'onirico. Un'altra peculiarità di Maurizio Temporin: portare su carta un dualismo che attrae, affascina, ammalia.
E quale oggetto migliore, se non un mazzo di carte dei Tarocchi, a rappresentare questo dualismo che anima dell'intero libro?

Nei Tarocchi, mondo di sopra e mondo di sotto convivono in un unica carta, rappresentando destini diversi. Una peculiarità che si lega ai personaggi principali, legati a loro volta agli arcani maggiori.

È sempre difficile introdurre in un romanzo - un prodotto che arriverà nelle mani di lettori di ogni tipo - una tema come l'esoterismo. Gli effetti potrebbero essere svariati e sgradevoli, alla meno peggio, la storia potrebbe risultare posticcia, ma non è questo il caso. Maurizio Temporin è solo al suo secondo romanzo, e quel "solo" non lo diciamo a caso. La sua abilità di intrecciare moderno e antico, invenzione e spiritualismo, lo ha condotto per una seconda volta a scrivere qualcosa di complesso, che va oltre il semplice romanzo da scaffale dark. E ciò non si può più chiamare caso, ma talento.

"Arcana - Il castello dei destini sbagliati" si è rivelato una lettura fuori dagli schemi, in grado di catturare la nostra attenzione fin da subito e di lasciarci, alla fine, come se ci fosse altro da scoprire dietro.
Sappiamo bene a chi NON consigliare questo romanzo, ai lettori poco intrepidi, ai lettori da spiaggia...

...ma se fate parte di quelli pronti a sedere in poltrona, per iniziare un viaggio che vi conduca oltre il possibile e il reale, fatevi avanti. Il mondo di Arcana sarà lieto di aprivi le sue porte!


In attesa che Temporin scriva qualcos'altro di così bello...



venerdì 14 giugno 2019

"La mia estate Indaco" di Marco Magnone: vi raccontiamo Viola attraverso la cucina


Hello readers!

Chi ci segue sui social avrà notato qualche tempo fa l'arrivo, qui a "I libri: il mio passato, il mio presente e il mio futuro", una copia davvero speciale: la bozza dell'ultimo libro di Marco Magnone,

LA MIA ESTATE INDACO

Un arrivo non casuale, ovviamente! Abbiamo avuto la fortuna di essere state scelte per partecipare ad uno degli eventi organizzati per la promozione di questa uscita Mondadori.



Yes, siamo super felici di aver letto in anteprima "La mia estate Indaco"!
E ancora più felici di parlare della sua protagonista, Viola, e del suo rapporto con la cucina.


viola-la-mia-estate-indaco-magnone


Il tempo di un'estate e il mondo di Viola viene capovolto da eventi incontrollabili. Nuova città, nuova casa e l'accettazione di una condizione difficile da concepire se hai solo dodici anni: nessuno vive in eterno. Il rapporto che Viola ha con il nonno materno è talmente stretto da essere quasi paragonabile a quello tra padre e figlia, e quando l'uomo si ammala all'improvviso, la ragazzina viene scossa da un terremoto interiore.

Sembra che qualcosa, ad un certo punto, nel comunicazione tra lei e la mamma sia andato storto - o inizi ad andare storto. Il padre di Viola cerca in tutti i modi di mediare tra le due donne della sua vita, ma come tutti i padri di una pre-adolescente, spesso non è in grado di comprendere cosa passi per la testa della figlia.

Viola ha la sensazione che nessuno la prenda davvero in considerazione, mentre lei ormai scalpita per far sentire la sua voce. Ma la ragazzina non urla, non fa enormi scenate - o meglio, non ne fa più di quelle di rito in questa fase della vita -, preferisce chiudersi in stanza se i suoi sono in casa, oppure - quando può averla tutta per sé - scendere giù in cucina.

Viola è una figlia d'arte, la cucina scorre nelle sue vene, così ogni volta che qualcosa va storto, la cucina diviene una forma di catarsi, un modo per mettere meglio a fuoco le cose o semplicemente distendere i nervi.

Viola ha dodici anni, ma il suo rapporto con il cibo non è malsano, come spesso succede alle ragazzine della sua età: prepara e mangia, ma non se ne pente. Sa di avere un fisico comune, magari un po' rotondo, ma non da la colpa al cibo per questo.
Prima del suo ingresso in una comitiva da estate perfetta e indimenticabile, è la cucina ad accogliere le sue incertezze e ad asciugare le sue lacrime.

In "La mia estate Indaco", finalmente un personaggio femminile che non vive il rapporto con il mondo culinario come un qualcosa a tenersi alla larga.


Potrei continuare a parlarvi dell'ultimo libro di Marco Magnone ancora per ore readers, ma purtroppo la nostra tappa finisce qui e PER IL MOMENTO...

Dopo aver letto il libro in anteprima, non vedevamo l'ora di farvelo conoscere. Cosa abbiamo fatto? Scritto una recensione ovviamente, so stay tuned!





mercoledì 12 giugno 2019

Recensione: "Lui" di Megan March, un nuovo amore travolgente che vi farà innamorare!

Buongiorno miei appassionati lettori, 

come vi avevo promesso, oggi vi presenterò un libro edito SEM Libri, sto parlando
di "Lui", primo della trilogia Sin Trilogy di Megan March. Come sapete mi sono letteralmente innamorata della serie precedente - se non la conoscete, correte a leggere la recensione  a confronto scritta a quattro mani con Susan! Se siete alla ricerca di una lettura davvero coinvolgente, "King, Queen e Desire" è una coinvolgente storia d'amore che fa proprio al caso vostro! Non che questa sia meno bella. 



Trama: 

Gable è una cittadina nata tra le montagne all'epoca della corsa all'oro che poi ha prosperato con il mercato del legname. Le due famiglie dei fondatori si odiano ferocemente fin dagli albori: i Gable avranno anche dato il nome al paese, ma sono i Riscoff i veri padroni ora, e i rivali sono in disgrazia. I Gable, tutti, odiano senza riserve i Riscoff, e l'odio è assolutamente ricambiato, alimentato da anni di ripicche, vendette e umiliazioni.
Lincoln Riscoff è l'erede designato della fortuna di famiglia; la regola medioevale mai messa in discussione dei Riscoff è che passa tutto al primogenito maschio, e per gli altri figli rimangono solo briciole. 
Costretto a rientrare a Gable controvoglia appena terminati gli studi incontra per caso una misteriosa bellezza bruna con due indimenticabili occhi blu, l'attrazione è immediata, la passione scoppia repentina, ma il mattino dopo ecco l'amara scoperta: lei è Whitney Gable, e se per Lincoln la cosa non cambia nulla, per lei scoprire che lui è un Riscoff è un ostacolo insormontabile. Nonostante questo la loro relazione continua, anche se ostacolata da tutti, poi Whitney decide di sposare un altro, rinunciando a Lincoln e andandosene da Gable. 

Ora sono passati dieci anni, Riscoff gestisce con impegno e piglio imprenditoriale l'impero di famiglia, ma non ha mai dimenticato Whitney. Ora ha appena saputo che lei sta tornando a Gable dopo essere rimasta vedova e stavolta non ha alcuna intenzione di lasciarla andare. Sa che riuscirà a vincere la donna che ama da sempre e che nessuno può fermarlo, ma sa anche che non sarà facile.



Iniziamo parlando di una cosa che mi caratterizza, la passione per le copertine: trovo che questa sia semplice, ma allo stesso tempo d’impatto. Permette al lettore di comprendere fin dall'inizio che il vero personaggio di questo romanzo d’apertura è Lyncoln, anche se nel corso della lettura si capisce come ogni cosa ruoti intorno a Whitney, la protagonista del secondo libro della serie, "Lei". 

La storia parte con il ritorno della ragazza a Gable, una cittadina americana in cui le esistenze dal tempo dei tempi è alle dipendenze di due grandi famiglie, quella dei Riscoff e quella dei Gable. La prima da lavoro quasi all’80% della popolazione essendo, infatti, molto ricca, mentre i Gable ormai sono caduti in disgrazia da parecchi anni. Più avanti conosceremo i vari familiari di ambedue le famiglie.


Dei Riscoff avremo il piacere/dispiacere di conoscere il Commodoro, nonno del protagonista, il capostipite che detta legge, ma allo stesso tempo è corretto nei confronti del nipote; Sylvia, la madre di Lyncoln e principale ostacolo per la coppia; McKinley, sorella del protagonista e amministratore delegato dei “Gables”, un enorme e favoloso resort. Un po' meno piacevole è la conoscenza con il padre di Lyncoln che vedremo solamente nei numerosi flashback che caratterizzano il romanzo e il fratello minore, Harrison, che ho davvero odiato dal primo all'ultimo capitolo.
Anche della famiglia Gable conosceremo vari personaggi tra cui il nonno di Whitney, Magnus, sua zia Jackie e le sue cugine Cricket e Karma.
Insomma, "Lui" è davvero ricco di storie che si intrecciano e di personaggi che rendono il libro più completo e coinvolgente. C’è chi appare solo ogni tanto e chi invece ha un ruolo principale, ma ognuno ci porta a conoscere meglio i due amanti. 


Questa faida ci porta un po' indietro nel tempo ad un'altra storia e ad un’altra era in cui i Montecchi e Capuleti si odiavano, ebbene si prende davvero spunto da Romeo e Giulietta, due amanti destinati ad innamorarsi ma divisi dalle proprie famiglie, riusciranno in questo caso a superare l’odio e il disprezzo e passare oltre? 



Mi è piaciuta moltissimo soprattutto per come Magnus Gable e il Commodoro, gestiscono la loro faida, pronti ogni giorno a spararsi a vicenda per avere la meglio, ma secondo me, affezionati alla loro routine e - diciamolo - pure all'altro, legati da un litigio più antico di loro. Spero di rivederli nel secondo capitolo ancora alle prese con i loro incontri "particolari". 

Come potete vedere, ho apprezzato moltissimo la descrizione dei personaggi, come vengono presentati e quanto ognuno apporta alla storia. Whitney scappa da Los Angeles dopo la morte del marito dal quale desiderava divorziare, e vediamo quanto sia fragile e insicura delle sue scelte. Sa di aver commesso un errore a sposarlo, però allo stesso tempo ha paura di tornare a Gable e rivedere Lyncoln, l’uomo che l’ha rincorsa davanti all'altare e che lei ha rifiutato. Nel corso della lettura troveremo la risposta ad alcuni inevitabili quesiti che andranno man mano formandosi, ma credetemi, tante altre cose non dette o appena accennate creeranno ancora più curiosità ed aspettativa nel lettore. 

Lyncoln è un uomo molto forte che deve quotidianamente fare i conti con ciò che la vita gli ha dato: erede di una famiglia ricchissima, ma allo stesso tempo non il figlio prediletto, anche la madre preferisce Harrison a lui e vedremo come anche sul lavoro dovrà guardarsi sempre le spalle. Ha un unico grosso desiderio, riavere la donna della sua vita e non si fermerà davanti a niente e a nessuno per ottenere ciò che vuole. 

Questa volta il lato erotico della storia è presente, ma non la fa da protagonista come in "King, Queen e Desire" ed è una cosa che adoro, perché lascia molto più spazio alla scoperta dei personaggi e delle loro storie che hanno tanto da raccontare. 

La scrittura di Megan March è molto fluida, coinvolgente, misteriosa. Al lettore non toccherà solo svelare dei misteri, ma dovrà fare molto altro. A migliorare la narrazione, il sapiente utilizzo dei flashback - posti sempre nel momento giusto - che aiutano a comprendere al meglio tutta la storia. "Lui" è talmente scorrevole che non ci si accorge di essere arrivati alla fine, io stessa credevo di essere a 3/ 4 del libro e invece mi sono ritrovata davanti il finale!

Così sconvolgente dal lasciarci con il fiato sospeso fino al 20 giugno! 

Quindi, non posso fare a meno di consigliarvi questo libro! Uno dei più belli di quest’anno, merita veramente di essere letto ed apprezzato!





Come avete visto questo primo libro della serie mi è piaciuto tantissimo e non vedo l'ora di poter leggere i seguiti! Per fortuna per una volta non dovremo aspettare millenni ma solamente fine mese!!


Il mio voto: 






La serie "Sin Trilogy" è composta da: 


1. Lui. Principe Selvaggio - 30 Maggio 2019
2. Lei. Principessa di ferro - 20 Giugno 2019
3. Loro - 11 Luglio 2019














martedì 11 giugno 2019

[Review Party]: "Loyalty" di Megan DeVos (Anarchi vol.2)




Doppio evento today, che in parole più semplici vuol dire doppia recensione!



Lo scorso 30 aprile vi abbiamo parlato di ANARCHY, primo capitolo di una nuova trilogia made in USA, la cui giovanissima scrittrice - Megan DeVos - sta riscuotendo un discreto successo sui social.

Oggi approda nelle librerie italiane, grazie alla casa editrice Mondadori, il secondo volume della saga:

LOYALTY



Titolo: Loyalty
Autore: Megan DeVos
Serie: Anarchy: the hunger games for a new generation #2
Casa Editrice: Mondadori
Genere: Narrativa contemporanea, distopico
N° pagine: 287
Data di pubblicazione: 11 giugno 2019
Prezzo: cartaceo ebook € 15,21 - ebook € 9,99

Trama:

Quella che sta per compiere Grace è una scelta difficile e crudele. Come altro si può definire l'obbligo a decidere tra la lealtà alla propria famiglia e il giovane amore che ti ha sconvolto la vita, senza il quale ti sembra impossibile anche solo pensare di respirare? Come si può compiere un passo che potrebbe cambiare non solo il futuro tuo e dell'uomo che ami, ma anche delle comunità che vi hanno visto crescere, giunte ormai a un passo dal sanguinoso scontro finale? Qualunque sarà la scelta di Grace, che decida di assecondare ciò che le suggerisce la testa o preferisca seguire il cuore, questo è certo, non sarà la sola a pagarne le conseguenze. Hayden stesso è in procinto di affrontare uno dei momenti più delicati della sua giovane vita. Non solo sta per perdere, forse, l'unica donna che abbia mai amato, ma dovrà guidare i Blackwing nel momento più disperato della loro storia. Riuscirà a mantenere in vita il campo di cui è leader e a proteggerlo dagli attacchi nemici? Ma soprattutto può fidarsi davvero di se stesso ed essere certo che quando sarà chiamato a farlo, compirà la scelta giusta? In un mondo dove non esistono più regole né pietà, niente può essere dato per scontato.


In Anarchy avevamo conosciuto un mondo post-apocalittico nel quale le parole pace e libertà sono ormai sconosciute. I pochi sopravvissuti hanno abbandonato le città, preferendo vivere in campi organizzati dove la regola vigente è una: fidarsi solo dei propri compagni.

Come un fiore da una crepa nel cemento, l'amore tra Grace e Hayden nasce in una realtà tetra e priva di speranze. A complicare le cose tra loro, il diverso background dal quale provengono: Hayden, seppur giovanissimo, è a capo del campo di Blackwing, mentre il padre di Grace dirige il campo di Greystone. Una storia d'amore che sembrerebbe impossibile, eppure in Anarchy i due protagonisti non riescono a contrastare l'attrazione magnetica che provano ogni qual volta i loro sguardi d'incrociano.

In questo secondo capitolo, il focus della storia s'incentra maggiormente sull'analisi dei sentimenti dei due protagonisti, portando Legacy ad essere più un romance che un distopico... la cosa ci dispiace?


Attraverso l'utilizzo del POV alternato e della narrazione in prima persona, Megan DeVos pone Hayden e Grace di fronte ad interrogativi di genere decisamente più morale.
Se sia giusto che la figlia del capo di Greystone sia ormai un membro del rivale campo di Blackwing, tocca al giovane lettore deciderlo, mentre la stessa Grace è quasi lacerata da sentimenti contrastanti.

Ai meno romantici, Legacy potrebbe sembrare fin troppo condito di sentimentalismo, ma vista l'evoluzione interiore dei personaggi, privare la storia di scene nelle quali riescono finalmente a mettere a nudo i loro sentimenti e le loro paure, probabilmente avrebbe significato scarnificarla del tutto.

Benché questo secondo capitolo risulti quasi privo d'azione, a differenza di Anarchy, la scrittura fluida e priva di manierismi, anche alla portata dei lettori meno accaniti o di chi tenta un primo approccio a questo genere, rende Legacy un piacevole distopic romance.



Ora non ci resta che attendere la fine di questa saga, ma nel frattempo possiamo andare alla scoperta delle comunità nate dopo la Caduta, oppure fare un salto in dietro tornando ad Anarchy!



[Recensione] Le signore in nero di Madeleine St John




Hello readers!
Vi avevamo anticipato che ve ne avremmo parlato meglio, anche se quando una lettura è davvero bella, difficilmente riusciamo a trovare parole che non risultino finte e banali.

Qualche giorno fa, avevamo già provato a convincervi in soli cinque punti che


di Madeline St John, edito Garzanti, è una lettura imperdibile!

Che il libro ci sia piaciuto e tanto, non ne abbiamo fatto mistero, ma oggi diamo voce ai nostri perché in una recensione che fa coro per l'ultima tappa di evento che ci ha davvero davvero entusiasmate.

Ok, ammettiamolo: alzi la mano chi di voi aveva mai sentito parlare di Madeleine St John...


Non è proprio tutta colpa dei lettori italiani se questa scrittrice risulta anonima ai più. E una volta iniziata la lettura del suo primo libro - "Le signore in nero" viene pubblicato in UK nel lontano 1993 - è impossibile non chiedersi cosa abbia spinto l'editoria italiana a tenere la St John fuori dalla nostra penisola per ben ventisei anni!

"Le signore in nero" è la cronaca di un'epoca in cui la voce delle donne era quasi un sussurro. Una scrittura scorrevole, ricca di dettagli, porta il lettore a conoscere quattro prototipi della donna degli Anni Cinquanta:
- Lisa, la ragazzina ingenua e sottovalutata;
- Fay, la ragazza che allontana gli uomini (o attira solo quelli sbagliati) grazie ad uno stile di vita non consono alla società dell'epoca;
- Patty, la perfetta moglie e padrona di casa, che vive per accontentare un marito insensibile;
- Magda, la straniera criticata e segretamente invidiata per il suo modo di essere, così diverso da quello delle donne dell'Australia del dopoguerra.

Una storia tutta al femminile quindi che, se da un lato mostra cosa significava essere una donna in età da marito negli anni 50, dall'altra racconta del risveglio di una coscienza comune femminile. Se fino ad allora, infatti, gli unici sinonimi di donna erano moglie e madre, è proprio in questo periodo che inizia ad emergere una consapevolezza nuova. Le donne POSSONO essere mogli e madri, ma non necessariamente. Possono anche lavorare e vivere del loro lavoro, senza alcun uomo a sostenerle, o studiare per uscire fuori dalle mura di casa.

Man mano che la cronaca avanza, l'intento di Madeleine St John di documentare con un pizzico di ironia questa presa di coscienza, diviene evidente. Come evidenti sono i richiami nella storia, alla sua vita personale. Le origini da emigrante, il dovere di essere forte forse anche più degli uomini. In "Le signore in nero", la St John è in grado di coniugare aspetti decisamente differenti creando una storia che la porterà ad essere candidata per il Man Booker Prize.

Impossibile quindi non attribuirle

La nostra recensione termina qui, ma se vi abbiamo incuriosito, potete scoprire: