sabato 24 giugno 2017

Dopo 5 anni il ritorno di Dennis Lehane con "Ogni nostra caduta".



Pagine: 420
Prezzo: 18,60
Data di uscita: 28 Agosto 2017


A cinque anni dall’ultimo libro, Dennis Lehane torna con un nuovo romanzo di profonda capacità introspettiva e grande tensione narrativa. Grazie alla sua capacità di scandagliare l’animo umano, Dennis Lehane in Ogni nostra caduta ci presenta una vicenda intima e universale al tempo stesso. Abbandonati i duri di Boston, protagonisti dei suoi successi più celebri, Lehane si mette alla prova per la prima volta con un personaggio femminile, utilizzando tutta la sua capacità e finezza psicologica nell’analizzare in modo conturbante le relazioni affettive e umane e portandoci nei meandri più profondi e contorti del rapporto madre-figlia.

Protagonista di Ogni nostra caduta è Rachel Childs, una giovane donna cresciuta con la sola madre, senza mai sapere nulla del padre. Rachel riesce a farsi strada nell’ambiente giornalistico, dalle pagine locali fino al piccolo schermo, diventando un’importante giornalista televisiva. Presto però arriva la prima caduta: dopo un improvviso crollo nervoso durante una diretta e l’esposizione mediatica per il video divenuto virale, la sua vita cambia radicalmente. Rachel decide di allontanarsi da tutto e tutti, costringendosi a un’esistenza da reclusa. Fino all’incontro con quello che sembra davvero essere il compagno, e poi marito, ideale. Ma basta un singolo evento, durante un piovoso pomeriggio d’inverno, per sgretolare questa sua vita perfetta, il suo matrimonio e Rachel stessa. Caduta suo malgrado in un fitto complotto fatto di inganni, violenza e forse pazzia, Rachel dovrà trovare da sola la forza di vincere paure inimmaginabili e di affrontare verità in grado di sconvolgere la mente.

L'autore:

Dennis Lehane è autore di romanzi bestseller tradotti in oltre trenta lingue. Molti di questi, come Mystic River, L’isola della paura (Shutter Island), La casa buia (Gone, Baby, Gone) hanno ispirato alcuni dei maggiori registi contemporanei: Clint Eastwood, Ben Affleck e Martin Scorsese. Dennis Lehane è anche sceneggiatore di serie tv (The Wire,Boardwalk Empire). È considerato uno dei più grandi autori contemporanei. Lui e la moglie Angie vivono in California con i loro figli.

Jane

Un romanzo controverso e attuale: "the store" di James Patterson vi attende!



Pagine: 300
Prezzo: 16,40€
Data di uscita: 15 Settembre 2017

Una storia incentrata su una delle realtà più evidenti degli ultimi anni, la crescita vertiginosa dei colossi dell’e-commerce: James Patterson con The Store si allontana dalle sue serie di maggior successo e scrive un romanzo controverso e quanto mai attuale.

“The Store” è il più grande negozio on line del mondo, dominatore assoluto del mercato e delle vite di tutti, anche se nessuno se n’è ancora accorto. Come recita il claim pubblicitario, “The Store sa i tuoi bisogni prima che li sappia tu”, e infatti, non solo può consegnare ogni cosa di cui i clienti hanno necessità grazie all’utilizzo di droni, ma riesce persino a prevedere e anticipare le esigenze dei consumatori. Per la maggior parte delle persone tutto questo non è un problema, ma Jacob e Megan Brandeis, due scrittori newyorchesi, hanno delle riserve, e decidono di scoprire quale verità si cela dietro a “The Store”. Anche se non hanno più un contratto editoriale, anche se la vita è sempre più difficile per chi, come loro, si occupa di parole e carta stampata, c’è qualcosa che a loro non mancherà mai: il fiuto per una buona storia. Una storia che deve essere raccontata, a ogni costo. Così, prendono una decisione che potrebbe avere conseguenze inimmaginabili: si infiltrano in “The Store” per scoprire dall’interno quali siano i veri meccanismi che governano quel colosso commerciale. Svelarne i segreti potrebbe essere lo scoop del secolo, potrebbe cambiare la vita dell’intera nazione. Ma potrebbe anche porre fine alla loro.

L'autore:

James Patterson è uno dei più grandi fenomeni editoriali dei nostri giorni. Ha venduto oltre 355 milioni di copie finendo nel Guinness dei primati come unico autore al mondo a occupare per 59 volte il primo posto nella Bestseller list del New York Times. Più volte primo tra gli scrittori nell’annuale classifica di Forbes, James Patterson è il creatore di personaggi famosissimi della narrativa crime, come il profiler Alex Cross, le Donne del Club Omicidi e il detective newyorchese Michael Bennett. Nel 2014 ha lanciato una campagna aiuti in favore delle librerie minacciate dalla crisi e dalle grosse catene americane, mettendo a loro disposizione oltre un milione di dollari per progetti di innovazione.

Jane

Andrea Santangelo ci aspetta in libreria con "L'Italia va alla guerra".



Pagine: 250
Prezzo: 17,60€
Data di uscita: 15 Settembre 2017

L’Italia va alla guerra è un sorprendente viaggio di 50 secoli alla scoperta dello stretto legame culturale e fisico tra la guerra e gli italiani.

Noi italiani siamo figli della guerra eppure l’abbiamo dimenticato e ignoriamo quanto la guerra abbia contribuito a plasmare il nostro paese così come lo conosciamo oggi. Poche nazioni possono purtroppo competere con l’Italia per il numero di guerre subite nel corso dei secoli. La guerra, invece, è quel che ha maggiormente contribuito a creare sia quel melting pot chiamato italiani, sia l'aspetto geografico della nostra penisola con la deviazione di fiumi, la costruzione di castelli e fortificazioni, l’abbattimento di foreste, la realizzazione di strade e ponti. Molti dei piatti che mangiamo devono i natali a una battaglia (il pollo alla Marengo) o a un generale (i Vincisgrassi marchigiani), ma è tutto caduto nel dimenticatoio della lunga pace europea post secondo conflitto mondiale.

In L’Italia va alla guerra Andrea Santangelo, storico esperto in storia militare, partendo dalla preistoria e arrivando ai giorni nostri, traccia un profilo non solo militare ma anche politico dell’Italia, ponendosi il quesito se il nostro Paese può ancora avere un ruolo e un peso nell’ambito degli attuali conflitti mondiali.

L'autore:
Andrea Santangelo, storico, esperto di storia militare, ha lavorato come archeologo.
Ha scritto alcune monografie per la collana Protagonisti della Grande Guerra del Sole 24 Ore. Ha pubblicato libri di storia militare con la Utet e con Salerno Editore.

Jane

Dopo "Prima che torni la pioggia" Elliot Ackerman torna con "Il buio al crocevia".



Pagine: 300
Prezzo:16,40€
Data di uscita: 25 Agosto 2017

Dopo l’intenso romanzo d’esordio "Prima che torni la pioggia", ispirato alla sua esperienza di soldato in Afghanistan e Iraq e paragonato dal New York Times ai romanzi di Hemingway per la sua forza lirica ed esistenziale, Elliot Ackerman torna con una storia che pone importanti interrogativi sulla guerra e i suoi mille volti. Una delicata ricerca sul significato della perdita e delle seconde possibilità, ma soprattutto un romanzo sulla fede e sul perché abbiamo un disperato bisogno di credere in qualcosa.

Protagonista de Il buio al crocevia è Haris Abadi. Per metà americano e per metà arabo, Haris è un uomo con un passato difficile alla ricerca di una causa da sposare. Giunto al confine tra Siria e Turchia con l’intenzione di unirsi alla guerra contro il regime di Bashar al-Assad, Haris viene rapito e tenuto sotto custodia da un carismatico rifugiato siriano che recluta e addestra combattenti rivoluzionari. La prigionia sarà l’occasione per conoscere Daphne, la bellissima e raffinata moglie di Amir, dilaniata dal dolore di non poter tornare a casa in Siria. Il loro legame crescerà insieme a una sempre più forte consapevolezza di Haris sulla sua vita e le sue decisioni – È davvero un combattente rivoluzionario o è solo un idealista? E questa vita di frustrazione e dolore che ha scelto ha realmente quel senso profondo che si ostina a dargli? – fino all’idea di attraversare il confine tramite l’ISIS stesso, qui conosciuto con il suo nome arabo Daesh.

Forte e quanto mai attuale, Il buio al crocevia è un romanzo che scava a fondo in una delle piaghe più dolorose degli ultimi anni, provando a raccontare la guerra civile siriana da una prospettiva nuova, quella di chi ha lasciato tutto per unirsi a una causa così disperata.


L'autore:

Elliot Ackerman, classe 1980, ha passato otto anni nell’esercito statunitense, sia come soldato semplice sia come ufficiale di operazioni speciali. Croce di bronzo al valore militare, veterano decorato per la seconda battaglia di Falluja, che lo spinse a scrivere: «L’11 novembre 2004 è il giorno in cui ho smesso di credere in Dio». Più recentemente ha servito la Casa Bianca nel Governo Obama. Attualmente vive a Istanbul e come giornalista freelance si occupa della guerra civile siriana. I suoi saggi e articoli sono apparsi su “The New Yorker”, “The Atlantic”, “The New Republic” e “The New York Times Magazine”. Prima che torni la pioggia è stato il suo primo romanzo, accolto con grande entusiasmo dal pubblico.

Jane

venerdì 23 giugno 2017

BlogTour: " Su e Giù per Manhattan" di Sarah Morgan, Intervista: Quattro chiacchiere con Sarah Morgan

Buongiorno miei appassionati lettori! 

Oggi il nostro blog ospiterà il BlogTour dedicato al nuovo libro di Sarah Morgan, Su e Giù per Manhattan! Sicuramente ve la ricorderete per la magnifica serie di Puffin Island, cittadina di cui le ragazze di questa serie sono originarie!

Siete pronti per andare a scoprire qualcosa di più? Ringraziamo HarperCollins Italia per averci dato la possibilità di leggere questo libro!!!



Ormai è tradizione che il nostro blog ospiti l'intervista alla simpatica Sarah Morgan, infatti l'ho intervistata anche per Natale a Puffin Island (QUI), ultimo libro della serie che ho davvero adorato. 

Quest'oggi ho voluto chiedere a Sarah alcune curiosità che mi sono scaturite dopo aver letto il prequel del libro A mezzanotte da Tiffany, sebbene molto piccolo, davvero appassionante, (Qui la mia recensione). 

Andiamo quindi a scoprire cosa ci siamo dette durante questa chiacchierata! 

In questi libri ha voluto toccare degli argomenti molto profondi e tematiche davvero particolari con le quali quotidianamente a volte ci capita di avere a che fare. Andiamo a scoprire quali.





Abbiamo già avuto modo di leggere il prequel di Su e Giù per Manhattan, e abbiamo avuto la possibilità di conoscere meglio Matilda, in questa trilogia la troveremo ancora o solamente nel prequel? 


Matilda avrà solamente una piccola parte nei primi tre libri, ma ho scritto altri tre libri che andranno a comporre questa serie. (Che mi auguro escano in Italia il prossimo anno! ). Infatti in "Holiday in the Hamptons" Matilda e Chase torneranno ad avere un ruolo molto importante. Spero che i lettori adoreranno vedere che cosa gli è successo dopo il loro primo incontro avvenuto nel prequel.




In questa nuova serie hai voluto trattare il tema della disoccupazione, come mai? 


Nei libri della serie le ragazze perdono il lavoro molto presto perché volevo comunicare la possibilità di cambiamento sfruttando le proprie capacità acquisite precedentemente, per migliorare se stesse. C è sicuramente il tema della disoccupazione, che sicuramente affligge moltissime persone, ma c è anche la difficoltà di lavorare con un capo difficile. Qualcosa in cui molti di noi si possono identificare. Le tre ragazze amano il lavoro che fanno, ma il capo per il quale lavorano gli rende ogni giorno molto stressante. Sebbene perdere il lavoro è qualcosa che mette paura, è anche un opportunità. Le ragazze hanno le capacità e sanno di essere brave nel loro lavoro, ma devono trovare la fiducia in loro stesse per poterlo svolgere secondo il loro stile. Per questo lavorando insieme come un team riusciranno a farlo. Perciò passeranno dal lavorare per un capo problematico a diventare padrone di loro stesse.

Questa serie è diversa da Puffin Island, nell altra le ragazze tornavano nell isola alla ricerca di una nuova vita, redenzione, mentre in questa le ragazze non vogliono tornarci, come mai hai deciso di mostrare anche questa situazione? 


Vivere in una piccola città non è per tutti e volevo mostrare anche questo aspetto. Per ognuno che ama far parte di una piccola comunità c'è ne sono molte che potrebbero trovarla soffocante. Ho pensato che sarebbe stato divertente inserirle nella serie di Puffin Island mostrando le altre sfaccettature ( e nel secondo libro, Sunset in Central Park vi torneranno in visita e incontreranno dei vecchi protagonisti!) Queste tre donne amano la vita di città e tutto ciò che questo comporta. Per loro la vita dell'isola è qualcosa di limitante.





Qual è il tuo personaggio preferito tra Paige, Frankie e Eva? 


Le amo tutte per motivi differenti. Paige è determinata, concentrata e leale. Frankie è scoppiettante ed indipendente, ma sotto sotto è molto vulnerabile. Eva è una spaccacuori! Penso che ognuno di noi vorrebbe un amica come Eva!


Da quale di loro dovremo aspettarci più mistero, più problemi, più sensualità, più fuochi d artificio? 

Nella storia di Paige c è abbondanza di fuochi d artificio, perché lei cerca sempre di gestire tutta la sua famiglia ( particolarmente suo fratello) e i suoi amici essendo super protettiva. Lei però non vuole essere protetta. Anche la sua relazione con l eroe "alpha" Jake sarà piuttosto tempestosa. 
Probabilmente la storia più sensuale è quella di Frankie, perché lei non si vede così. Matt è un eroe paziente, forte, perfetto per lei, anche se Frankie fatica a vederlo. Ma lui persisterà nel modo giusto. Non vuole che lei lo cacci via, infatti lui la conosce quasi meglio di quanto lei non conosca se stessa. Eva cerca disperatamente il romanticismo, e lo troverà nel posto che meno le piace. C'è un sacco di umorismo nel suo libro, ma è anche commovente perché sotto alla sua maschera di solarità esteriore nasconde la mancanza della nonna che la fa sentire sola.


Ogni volta che ho la possibilità di parlare con te, ti chiedo: Quando verrai in Italia? 

Adorerei venire un giorno in Italia per incontrare i miei fans. È un sogno per me.


Vorresti lasciare un nuovo messaggio ai tuoi fan italiani? 

Spero che amerete questa nuova serie! E grazie per tutti i messaggi che mi lasciate nei social media! Adoro sentirvi e spero che continuerete a contattarmi facendomi sapere quanto vi piace questa nuova serie!!! 

Con amore Sarah

XXX



Come si può non amarla?? Io ogni volta che le parlo mi appassiono sempre di più a lei e ai suoi libri!!! Non perdetevi tutte le altre tappe del BlogTour e del Review Party! 

Non lasciatevi scappare l'opportunità di camminare per Manhattan con Paige!!!








NON PERDETEVI QUESTA NUOVA USCITA!!






Luna

giovedì 22 giugno 2017

ReviewParty: Legion ! Scopriamo l'ultimo imperdibile libro di Julie Kagawa!!

Buon giorno miei appassionati lettori! 

Oggi partecipiamo al Review Party del nuovo libro di Julie Kagawa, per chi non lo sapesse questo è il quarto libro della serie Talon che si compone dai libri precedenti: Talon, Rogue e Soldier. 
Tre anni fa ho anche avuto la possibilità e il piacere di conoscere l'autrice all'edizione di quell'anno del Bookcity di Milano, nella cui occasione mi ha pure rilasciato l'autografo! 

Non avrei mai creduto che mi sarei appassionata così tanto a questa serie e ai suoi protagonisti!!

Per fortuna non manca molto a scoprire come finirà questa serie perchè il prossimo anno uscirà Inferno il nuovo ed ultimo libro della serie!!! Non posso non ringraziare HarperCollins per aver sempre pubblicato questa serie che ho imparato ad apprezzare da subito!

Andiamo quindi a scoprire qualcosina di più su questo nuovo libro!! Che vi ricordo essere in uscita il 29 di Giugno!!! Non perdetevi quindi questa super Recensione in Anteprima!! 




Attendevo davvero da tantissimo l'uscita di questo libro, almeno dallo scorso anno quando ho avuto la possibilità di partecipare al BlogTour dedicato all'uscita di Soldier. La fine infatti del libro precedente lascia il lettore con l'amaro in bocca, ma sopratutto con una curiosità ed una tristezza tali che non vedete l'ora di leggere il seguito. Il nuovo libro infatti riprende dove l'altro si era interrotto, non senza colpi di scena questo è ovvio, ma si tratta di Garrett, Riley e Ember perciò niente può essere semplice.



Ormai sapete che ultimamente ho la follia di voler analizzare i titoli dei vari libri, e in questo caso non si può proprio dire che non siano stati tutti davvero azzeccati, Talon è molto introduttivo ci spiega con che organizzazione abbiamo a che fare, Rogue sicuramente è un libro più carico, ma Soldier vede come protagonista principale proprio Garrett perciò non si può dire che non fossero titoli pensati. Pure in questo caso il titolo è super azzeccato, perchè i nostri prodi eroi avranno a che fare con una intera legione di draghi, magari fossero normali e simpatici ebbene no procureranno non pochi grattacapi ai nostri amici e all'Ordine. 


Devo ammettere che in questo libro ho odiato sempre di più Talon ed in particolare i personaggi di Dante e dell'Anziano Wyrm. Non si può proprio dire che l'autrice non abbia una fervida immaginazione perchè per arrivare ad inventarsi un piano simile da parte dell'organizzazione ce ne vuole. 
Avremo anche a che fare con dei cloni e sopratutto con l'idea pazza di cancellare i ricordi di una persona per inserirci quelli di qualcun'altro annullando la persona togliendole in realtà il suo vero io
Questo passaggio di cui ovviamente non vi racconto di più mi ha fatto pensare moltissimo al libro The Host di Stephanie Mayer, nel quale se vi ricordate gli alieni prendevano il possesso degli umani inserendo la loro anima in questi gusci. Ecco succede qualcosa di simile, per il quale vi giuro che firmerei una petizione per far avere sia a Dante che all'Anziano una bella sistemata. 
Alla fine Dante è un povero sciocco a mio avviso, che pensa solamente a ciò che l'organizzazione gli potrebbe portare come benefici, fino a dove può arrivare il suo potere, senza pensare quanto può costare tutto ciò all'intera umanità, non solamente ai draghi o ai soldati di San Giorgio. Si rivela fino alla fine essere un senza cuore pure lui, che nonostante capisca che quello che stà facendo è sbagliato continua a farlo lo stesso.


L'Ordine invece in questo libro mi appare più carino, forse perchè per una volta non pensano solo ad ammazzare tutti ma sono anche molto collaborativi e hanno fiducia nei nuovi cambiamenti.
(Se poi penso che mio moroso fa parte dell'Ordine Costantiniano di San Giorgio, un ordine reale che ha sede anche in Italia, mi viene troppo da ridere vi giuro. XD)
Comunque tornando a noi, in questo libro avremo l'occasione di vedere ancora Tristan che vi devo dire mi piace un sacco... Poverini in questo caso la nostra Talon gliela farà vedere molto brutta e non posso proprio dire che non mi dispiaccia. La crudeltà dell'organizzazione dei draghi è qualcosa di davvero inaudito. Si rivolteranno non solo contro l'Ordine ma contro tutto quello che questo contiene, famiglie, civili, tutte persone innocienti.
Alla fine del libro infatti scoppierà l'apoteosi del caos e vedremo allearsi tra loro coloro che davvero capiscono qual'è la posta in gioco e che vogliono contrapporsi al Male superiore.
Vedremo in più di un'occasione i nostri prodi alle prese con nuove trappole, sinceramente a volte mi chiedo come possano cadere in cosi tanti agguati tutti insieme eheheh.... sono davvero un caso strano eheh..., con nuovi inganni, nuove alleanze, per fortuna hanno la pellaccia e usciranno vivi da tutto ciò che il destino gli ha messo sulla strada.
Avremo modo di scoprire meglio il triangolo Ember,Riley, Garrett, con la scelta definitiva di Ember, ma scopriremo anche cosa lega davvero tra l'ora Ember e Riley. Ammetto che nonostante il tema amoroso venga toccato poche volte crea un contorno molto armonioso che fa adorare al lettore la lettura.

Non si può dire che in questo libro non vengano svelate tante cose, avremo modo di conoscere meglio i cuccioli della rete di Riley, conosceremo meglio anche il drago orientale Jade e tanti altri nuovi protagonisti che ci faranno amare sempre di più questa serie e questo libro. 

Verrà sguinzagliata un'intera legione di draghi senza cuore, qualcuno soppravvivrà? 




Non ci resta che preparaci per scoprire che Inferno ha deciso di scatenare su tutti noi la nostra amica Julie Kagawa per prossimo libro! Io non sto più nella pelle e voi?!!
Il modo di scrivere dell'autrice è sempre molto coinvolgente, vi trovate a leggere i vari cambiamenti di punto di vista senza avere problemi od incasinarvi (cosa che a me a volte succede XD) lei ha la capacità di cambiare ruolo, nel momento più adatto quando senti che vorresti sapere cosa stà pensando quel personaggio, non si può non chiamarla una vera e propria grande autrice!!
Non posso fare altro se non consigliarvi e consigliarvi tutta la serie se ancora non l'avete iniziata!!!

Il mio voto:




Lasciatevi conquistare da questo libro e non perdetevi le altre Tappe del Review Party!!

I libri: il mio passato, il mio presente, il mio futurohttp://libriilmiopassatopresentefuturo.blogspot.it
Sognando tra le righehttp://sognandotralerighe.blogspot.it
Dipendente dai libri http://dipendentedailibri.blogspot.it


Ringraziamo ovviamente anche Alice Bacchini che ci ha fornito il meraviglioso Banner che avete visto nel post!! Come non apprezzare il suo appoggio! Grazie!!!

NON PERDETE L'OCCASIONE DI ACQUISTARE QUESTO LIBRO E GLI ALTRI DELLA SERIE! 





In anteprima la copertina dell'ultimo libro in uscita nel 2018!!






Luna

martedì 20 giugno 2017

Recensione "La libreria degli amori impossibili" di Elisabetta Lugli



Buon pomeriggio lettori, oggi vi parlo di questo nuovo romanzo edito Newton Compton che ringrazio tanto per avermi mandato una copia... Si tratta di La libreria degli amori impossibili di Elisabetta Lugli.


 
 
 
TRAMA
 
Anna vive a Torino e lavora alla Stella Polare, una libreria che offre ai suoi lettori una scelta di libri ricercati e raffinati. Quel posto le piace, nonostante le stranezze di Adele, la ricca proprietaria dal carattere brusco, a volte quasi ostile. Per il resto, la vita di Anna si divide tra una stramba famiglia, amiche eccentriche e una storia d’amore che non è mai davvero decollata. La sua routine s’interrompe quando, una mattina, legge sul giornale locale che Claudia, la sua migliore amica ai tempi dell’università, che non vede da molti anni, ha avuto un incidente. Combattuta sul da farsi, decide alla fine di andare a trovarla, non sospettando che quell’incontro possa cambiare la sua vita…
Anna torna in libreria letteralmente sconvolta: tanti anni fa Claudia le ha mentito, Claudia l’ha indotta a lasciare Luca, il suo primo grande amore, Claudia ha condizionato le sue scelte. Le domande sul passato si affollano nella mente di Anna, tutte senza risposta. O almeno così sembra. Perché Anna non sa ancora che il destino sta per giocarle un altro scherzo. Qualcuno, proprio quel giorno, entra alla Stella Polare…
 
 
 
RECENSIONE
 
Sinceramente, non so proprio come parlare di questo libro; non è né bello né brutto... lo definirei neutro, un libro che ti lascia ben poco!
Solitamente, quando inizio una recensione, vi parlo un minimo dei personaggi o, per lo meno, dei protagonisti, ma questa volta non so cosa dirvi. La protagonista, Anna, è l'unico personaggio ad essere stato un minimo caratterizzato... degli altri sappiamo la storia e il loro passato, ma in quanto a caratterizzazione sono più o meno tutti simili, non si distinguono l'uno dall'altro, specie i personaggi maschili. Mi dispiace, ma Elisabetta Lugli pecca moltissimo nella delineazione dei suoi protagonisti. Non sono riuscita ad immedesimarmi in nessuno di loro; mi sono sembrati fin troppo piatti e del tutto normali.
Io non ho visto differenza tra Luca (vecchio amore di Anna) ed Edoardo (attuale fidanzato), potrebbero benissimo essere la stessa persona. Ma, a momenti, neanche tra Anna e Giulia si vede la differenza... Ciò che mi ha lasciata parecchio perplessa è stato l'inserimento, completamente a caso, di scene dal punto di vista di qualche altro personaggio che per il romanzo non hanno nessuna importanza fondamentale; scene buttate lì per allungare il brodo!
Anche lo stile di Elisabetta non mi ha lasciato niente e anzi, mi è parso troppo monotono! Si vede che sa scrivere, ma non approfondisce niente; tutto quello che succede è troppo superficiale e frettoloso, in 5 capitoli succede di tutto, ma il problema è che niente di tutto ciò viene un minimo approfondito; anche i dialoghi sono troppo superficiali; lo stesso sentimento d'amore è superficiale. Quando leggo un romanzo d'amore cerco quel qualcosa che mi faccia battere il cuore, sospirare ed emozionare, ma in questo romanzo non è successa nessuna delle tre cose! Anna che è così innamorata di Luca, al lettore non trasmette tutto questo amore e la stessa cosa vale per gli altri. Mi dispiace dirlo perché la Lugli scrive veramente bene e la trama è una bella trama, ma purtroppo non è ben trattata; se fosse stata meno superficiale, sarebbe stato di sicuro un ottimo romanzo. Un'altra cosa che mi ha fatto storcere il naso sono le continue coincidenze, impossibili nella realtà... Una coincidenza dietro l'altra in questo romanzo, ma quando mai si è visto nella vita vera? Una ci sta, due pure, tre già stonano, ma qui sono veramente infinite.
Una cosa che mi è piaciuta, invece, è il colpo di scena che riguarda un determinato personaggio (non vi dico chi), penso sia stata l'unica parte, un minimo, più approfondita (si parla comunque di un solo capitolo eh)! Il finale mi sarebbe piaciuto molto, non fosse stato per quelle ultime 17 righe... le leggi e dici "Ah..." e vi giuro che non le ho capite; non ho capito il finale di questo romanzo. Elisabetta Lugli, se sei in ascolto, ti prego di darmi delucidazioni; non ho capito il senso di un finale del genere, non ho capito il perché di questo finale, non ho neanche capito perché ha fatto succedere una cosa, nelle ultime pagine, che ovviamente è stata del tutto a caso ed è rimasta aperta...
Comunque sia, io vi ho parlato delle cose negative perché sono la maggior parte e vi devo mettere in guardia, ma devo ammettere che ci sono anche quelle positive, come l'ambientazione e il cibo.
Ripeto, non è un brutto libro, anzi, per passare un paio di pomeriggi va più che bene, ma se cercate qualcosa che vi dia il batticuore optate per altro; è un libro carino, ma che facilmente si dimentica, non ti resta dentro. Una lettura piacevole... ma niente di più!
 
 
Voto:
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Voi avete letto questo romanzo?? Che ne pensate? Concordate un minimo con me?
 
 
 
 
 
 
*Ginny*

lunedì 19 giugno 2017

L'attesissimo seguito di una sensazionale serie: "Perfect 2" di Alison G. Baley


Casa editrice: DeAgostini
Genere: New Adult
Pagine: 416
Prezzo: € 14,90
eBook € 6,99
Data d'uscita: 20 Giugno 2017




Trama:
Brad Johnson può avere ogni ragazza che desidera. Può sedurla e abbandonarla con la stessa facilità. Ma le cose cambiano quando incontra Marbry. Marbry è bella, intelligente, sfacciata. E misteriosa. C'è qualcosa in lei che Brad non riesce a decifrare. Qualcosa che Marbry vuole tenere segreto, a ogni costo. L'attrazione tra Brad e Marbry è immediata, irresistibile. Per la prima volta nella vita, lui si innamora perdutamente e abbassa la guardia. Eppure più Brad si avvicina, più Marbry si allontana. Perché ci sono ferite che non si cancellano, e ricordi che tornano sempre a tormentarci.



La serie "Perfect" è composta:
2. L'IMPERFEZIONE DEL CUORE





Cosa ne pensate, readers? Siete in attesa di questo bellissimo New Adult?


Katniss.

domenica 18 giugno 2017

L'Oriente a pochi passi da casa... La Tunisia! - Chronicles of Four Travellers



Buon pomeriggio e buona domenica!
Giugno è, finalmente, arrivato portando con sé il caldo e sempre meno voglia di lavorare o studiare, giusto? Con l'arrivo dell'estate, si sa, le scuole chiudono (certo, per noi studenti universitari è un po' diverso) e i ragazzi si annoiano in casa, il lavoro si fa più pesante per colpa del troppo caldo e sognare le ferie non aiuta perché a stare in casa per un'intera settimana si sgobba quasi più che a lavorare! Ci vorrebbe proprio una bella vacanza! Ma dove andare? Non troppo lontano: ore e ore di aereo sono proprio pesanti; deve esserci il mare, altrimenti come ci si rilassa? Ma non devono mancare i luoghi da visitare e le avventure da vivere...
Be' io conosco il posto giusto: La Tunisia!






Sono stata in Tunisia un paio di anni fa, ormai, ma ogni volta che ci ripenso o che guardo le foto, la ricordo sempre con meraviglia!
Voglio consigliarvi questo bellissimo paese per le tante opportunità che offre. In primis, pur essendo completamente diverso dall'Italia, si trova a pochi passi da casa nostra e non è difficile raggiungerla; in secundis, è il giusto mix di cose che tutti cerchiamo in una vacanza: sole e mare, relax e buon cibo, avventura e cultura; ed infine, è un paese abbastanza economico. Per quello che ho visitato io, una settimana (dico così perché solitamente è il periodo di ferie che viene concesso e quello che noi studenti possiamo concederci) è l'ideale.
Il mio itinerario comprendeva Tunisi, la capitale, Cartagine e Sidi Bou Said, la città azzurra!
TUNISI: La prima tappa è la splendida capitale, Tunisi, raggiungibile con appena 1,15 h di volo (da Roma). La prima cosa che colpisce, una volta arrivati a Tunisi, è l'aria orientale che si respira. Ovunque ci sono negozi di tappeti, mini bazaar, palme alte e rigogliose...Per visitarla non occorre tanto; in circa tre giorni è possibile godersela per benino, quattro, se si vuole fare con mooolta calma! Il luogo, a mio parere, più bello della capitale è la Medina, il quartiere arabo! Un insieme di meravigliosi vicoletti che iniziano con un bellissimo arco, Bab El Bhar, e che ospitano il mercato (Suq) e la Moschea degli Ulivi, una tra le più belle di Tunisi. Ed è proprio qui, nella Medina, che i Suq si riempiono di clienti che comprano scarpe, borse, manufatti in argento, il tipico caffè... E' racchiusa qui la bellezza tipica che caratterizza l'oriente, mischiata a quella degli antichi resti romani e bizantini che fanno di Medina un sito patrimonio dell'UNESCO! E' un luogo magico in cui tutto è possibile: sorseggiare il caffè tradizionale su una terrazza, guardare il tramonto sul mare, comprare un tappeto, riempirsi il naso di profumi inebrianti, assaporare il pungente sapore delle spezie, conoscere la popolazione più vera... E se si tende l'orecchio si può addirittura sentire il canto del muezzin che, dall'alto del minareto, richiama i fedeli alla preghiera. 
Altra imperdibile tappa tunisina è il Museo del Bardo che, immerso in un immenso giardino di essenze del posto, conserva al suo interno la più vasta collezione di mosaici romani del mondo. Magico, tutti quei colori sono una gioia per gli occhi. Non vi sono solamente i mosaici, ovviamente, ma quelli sono la parte più bella, da capogiro! Ci sono veramente troppe Moschee a Tunisi e parlarvi di tutte sarebbe impossibile, perciò vi segnalo la più bella; la Zitouna Mosque (che significa "Moschea degli Ulivi). Non so se le cose sono cambiate, ma quando ci andai io non era possibile visitarla all'interno, ma solo all'esterno, però penso ne valga assolutamente la pena, soprattutto al tramonto, quando i minareti e i portici da bianchi diventano quasi ocra, tinti dai raggi del sole che li sfiorano! Si respira un'aria di purezza e libertà. 
La Cattedrale di San Paolo, uno dei pochi esempi di Chiese cristiane a Tunisi, vale la pena di essere vista! In Italia ne abbiamo sicuramente di più belle, ma è interessante perché è quasi del tutto immersa in un ambiente arabo; un pezzo di occidente in oriente. E poi, il suo stile coloniale non è niente male. In ultimo vi consiglio la piazza Kasbah, una piazza molto grande, in stile moderno. E' bella perché è situata proprio fuori dalla Medina ed è un bellissimo contrasto per l'occhio: l'antico e il moderno. Per quanto riguarda il lato avventuro del vostro viaggio, una giornata è da passare interamente nel deserto. Da Tunisi partono tanti cammelli che, facendovi salire in groppa, vi porteranno nel Sahara. Meravigliose distese di sabbia arancione; dune su cui fare snowboard con tavolette di legno e un silenzio che fa più rumore di mille parole, il deserto è, forse, ciò che di più bello ci ha regalato la natura ed, essendo questo, un blog di libri, non posso che citare Antoine De Saint-Exupery quando dice...
 "Mi è sempre piaciuto il deserto. Ci si siede su una duna di sabbia. Non si vede nulla. Non si sente nulla. E tuttavia qualche cosa risplende nel silenzio."




CARTAGINE: Un giorno o due (se volete prendervela con calma) sono da dedicare assolutamente alla visita dell'antica città di Cartagine. Chi di noi non ne ha studiato la grandezza almeno una volta? Cartagine è patrimonio dell'UNESCO ed è il sito romano più grande d'Africa. Bellissime le Terme di Antonino, capaci di portare il turista indietro nel tempo, come se si stesse camminando tra le piscine termali dell'epoca. Interessante anche l'acquedotto e il teatro romano; certo, niente a che vedere con quelli che troviamo in Italia, ma sono comunque delle grandi testimonianze di ciò che i romani hanno fatto dopo le Guerre Puniche, in Africa.
Carina è la Cattedrale di Saint Louis (San Luigi), ormai sconsacrata e adibita a sala concerti. La musica che si sprigiona da qui non è semplice musica classica, ma è musica tunisina, musica araba, dolce e sensuale che vi toccherà le corde del cuore. Ricordo il caldo afoso all'interno del Carthage Museum, il museo nazionale di Cartagine. Piccolo, ma molto carino, ci sono reperti storici interessanti, anche se ricordo, con un certo sorriso, che io e mia sorella abbiamo abbandonato i nostri genitori, a metà della visita, per cercare refrigerio nell'enorme cortile "dei profumi", come lo abbiamo rinominato noi, perché c'erano banchi pieni di essenze orientali in bottiglie piccole piccole; dopo un po' il mio naso non riconosceva più gli odori, però ne è valsa la pena, erano buonissimi!

SIDI BOU SAID: Ed eccoci alla parte di questo viaggio dedicata al relax. Eh sì, perché Sidi Bou
Said, la città bianca e azzurra, è una piccola cittadina di villeggiatura affacciata sul Mar Mediterraneo, in cui ci si può rilassare lontano dal trambusto della capitale. Con le sue abitazioni bianche e azzurre adornate di bouganville colorati, le sue viuzze acciottolate, gli artisti che dipingono per strada e il mare, Sidi Bou Said è proprio incantevole e adatta ad ogni tipo di relax; inoltre è ottima per lo shopping, qui ho comprato il mio bellissimo Bongo africano!


Che altro dire?? Quando si pensa al viaggio in Africa, solitamente, le prime cose che vengono in mente sono il safari, i baobab, i Kikuyu... Ma l'Africa è anche lo scrigno di imperdibili perle d'oriente come la Tunisia.

Quindi, passaporto in mano, fate i bagagli e non perdetevi questo paese speciale!






Scommetto che avete già il biglietto in mano e le valigie pronte eh? E voi ci siete mai stati? Avete visto altro di questo paese? E se non ci siete stati, vi ho fatto venire almeno un po' di voglia?






*Ginny*

venerdì 16 giugno 2017

Ritorno alla Corte Scintillante con MIDNIGHT JEWEL di Richelle Mead


Hello readers! Sono le 16:00 di un caldissimo 16 giugno and...

...It's Friday! Again!!!


So YEZ! Nuovo #FriYAY... e non c'è posto migliore per festeggiare, che in una Glittering Court!
Mi sa che avete capito bene, a qualche mese dall'uscita italiana del primo libro dell'omonima serie, Glittering Court di Richelle Mead, questo 27 giugno gli States vedranno la pubblicazione del secondo capitolo: MIDNIGHT JEWEL!


Nuovo libro, nuova storia, nuova protagonista sempre alla ricerca della propria libertà...

Mira è una rifugiata di guerra che, espulsa dal suo Paese, viene portata in una terra straniera, nella quale le condizioni sono alquanto inospitali. Uno sconvolgente scherzo del destino le da l'opportunità di salvarsi ancora una volta, e la ragazza la coglie al volo, facendo il suo ingresso alla Glittering Court, la Corte Scintillante.
Per un gruppo ristretto di ragazze, la Glittering Court, la Corte Scintillante, offre la possibilità di vivere una vita da sogno, fatta di lusso, glamour e privilegi. Ma per Mira significa solo una nuova persecuzione, non solo da parte degli altri jewels della Glittering Court, ma anche da parte dei suoi pretendenti, degli aristocratici per i quali si ci aspetti dovrebbe dare la sua vita.
Mentre è obbligata a trascorrere il giorno imparando l'etichetta e i modi, che la faranno diventare una delle tante, accompagnata da due grandi amiche, Adelaide, una schietta cameriera personale e Tamsin, un'ambiziosa lavandaia. Di notte, da sola, Mira può lavorare al suo piano che, se scoperto, potrebbe farla condannare alla forza nella corte di Adoria.

Midnight Jewel è la storia straordinaria di una ragazza messa alle strette, che con coraggio riesce ad aprirsi una strada del tutto nuova, trovando l'amore, la passione, amicizie fedeli e forse, un sentiero verso la libertà.

Se amate il lusso, i gioiello o semplicemente siete shopping-addicted, vi consiglio anche di fare un salto su POLYWORE, dove avrete la possibilità di creare outfit stupendi, come questo interamente a tema Midnight Jewel!

Midnight Jewel by Richelle Mead

Io lo STRADOWOOOOOOOOOOOOOO! 

Then, per questo #FriYAY è tutto! Ovviamente voglio sapere se conoscevate già Richelle Mead, se avete già letto Glittering Court in italiano, o inglese, o cinese (WHY NOT? .-.), cosa ve ne pare di questo Midnight Jewel, o anche se adorate fare shopping... TODOS. Commentate, commentate, commentate, mi raccomando!
XOXO Virginia

giovedì 15 giugno 2017

Review Party: Andiamo alla scoperta dell'enigma dei Maya con Clive Clusser!

Buongiorno lettori! 

Oggi partecipiamo al Review Party dedicato al nuovo libro di Clive Cussler edito da Longanesi, L'Enigma dei Maya!!

Siete pronti per scoprire cosa ne pensiamo di questo nuovo e meraviglioso libro in uscita oggi?? 










L'Enigma dei Maya, scritto da Clive Cussler unitamente a Thomas Perry, rappresenta un altro capitolo della saga c.d. delle "Fargo Adventure", successivo al volume intitolato "Sepolcro" (nel quale si parlava del fantastico tesoro del conquistatore mongolo Gengis Khan) che si concludeva con l'attacco armato da parte di mafiosi sovietici alla residenza della famiglia Fargo a "la Jolla" che subiva pesantissimi danni, tanto da dover essere abbandonata e ricostruita interamente.

Ed è proprio mentre i coniugi Sam e Remi Fargo si trovano in Messico - nelle vicinanze dell'isola di Guadalupe -, a bordo di un lussuoso Yacht a noleggio impegnati come volontari in una ricerca di biologia marina condotta dalla University of California con lo scopo di tracciare i movimenti degli squali bianchi che ha inizio questa nuova, pericolosa avventura che li porterà ad affrontare soggetti senza scrupoli per salvare i tesori di un'antica civiltà: i Maya.


Un violento e distruttivo terremoto colpisce, infatti, la costa messicana ed i Fargo decidono di organizzare autonomamente una spedizione di supporto alla popolazione risalendo la costa dall'isola di Guadalupe sino alla zona del vulcano Tacana, vicino alla città di Tapachula nel Chiapas, occupandosi di portare soccorso soprattutto ai piccoli villaggi sul fianco della montagna. 

Ed è mentre si dirigono a piedi verso uno degli insediamenti più elevati unitamente ad una squadra di soccorritori reclutata in parte sul posto che si imbattono casualmente, a causa di una forte scossa di terremoto, in una pietra recante numerose incisioni con glifi Maya caduta dal fianco della montagna in seguito ad uno smottamento.
Risalendo il crinale giungono quindi ad una grotta ove accanto alla mummia di un dignitario rinvengono un recipiente sigillato ermeticamente che portano in salvo onde evitarne la distruzione per mano degli elementi della natura.
Sarà il contenuto di questo vaso a rendere la scoperta archeologica molto pericolosa.

Dal vaso, messo al sicuro nella loro abitazione, viene estratto un rarissimo libro Maya all'interno del quale è racchiusa una mappa indicante numerosi siti importantissimi per la cultura e la storia di quel popolo; un documento rarissimo che attira l'attenzione di una giovane e spietata ereditiera ossessionata dalla storia dei Maya.
La figura di questa donna, tratteggiata con maestria da Cussler in diverse fasi della narrazione (come sempre l'autore non ama descrivere i personaggi in un'unica soluzione, ma ne fa emergere le caratteristiche somatiche e caratteriali in più punti) esprime appieno l'immagine del "cacciatore di tesori" senza scrupoli che non esita ad allearsi anche con la malavita pur di giungere allo scopo.
Contro di sé trova, però, i Fargo che non cedono al suo denaro, né alle minacce con l'intento di preservare una scoperta archeologica di portata mondiale.

Un'avventura piena di suspence e colpi di scena che porterà i protagonisti dal Messico all'America sino alla Spagna sulle tracce del Domenicano Bartolomè de Las Casas, primo conquistatore delle terre dei Maya.

Come sempre la lettura scorre piacevole attirando la curiosità del lettore ed invogliandolo a proseguire pagina dopo pagina sino alla conclusione, senza pause per non perdere neppure un attimo il pathos della narrazione.
I personaggi principiali ed i comprimari vengono lumeggiati con maestria dallo scrittore che riesce a rendere pienamente al lettore non solo la loro figura in senso proprio, ma anche le loro emozioni ed i tratti caratteriali senza appesantire la narrazione con descrizioni pedanti quanto inutili; poche parole per ciascuno, il minimo necessario per presentarlo al pubblico se necessario nell'ambito del complessivo contesto narrativo.
Lo stesso modus operandi contraddistingue la descrizione dei luoghi ove si snoda la vicenda, di ciascuno Cussler ci fornisce sin dal principio le informazioni di base per consentire al lettore di crearsi un quadro visivo completo, scendendo nel dettaglio con maestria solo quando la messa in risalto dei particolari sia necessaria ed indispensabile nel quadro narrativo per focalizzare l'attenzione e per inquadrare dettagliatamente l'agire dei protagonisti.
Come sempre un volume eccezionale che merita di essere letto e gustato pienamente. Non posso fare quindi a meno di consigliarvelo!!!!

Il mio voto:

 

Non dimenticatevi tutte le altre tappe del nostro Review Party! Andate a scoprire cosa ne pensano anche le altre nostre amiche!!



 Affrettatevi ad acquistarlo ed immergetevi anche voi nelle scoperte dei tesori nascosti dei Maya!!






Luna

mercoledì 14 giugno 2017

22 Giugno: arriva nelle librerie "A bocca chiusa non si vedono i pensieri" di Banjamin Ludwing



Prezzo: 18 €
Pagine: 336
Genere: Narrativa


Data di pubblicazione: 22 Giugno 2017

Trama:

Ginny Moon è per molti versi una tipica quattordicenne: suona il flauto nell’orchestra della scuola, gioca a basket due volte alla settimana e studia le poesie di Robert Frost per la lezione di letteratura americana. C’è solo un piccolo particolare che la distingue dalle altre ragazzine della sua età: Ginny è autistica. E ciò che per lei è irrinunciabile – come iniziare ogni giornata con nove chicchi d’uva a colazione, per esempio, oppure cantare Michael Jackson, o prendersi cura della sua bambola ed elaborare in gran segreto piani di fuga – a qualcuno potrebbe sembrare un po’… strano. Per anni, dopo che l’hanno portata via alla madre naturale, tossica e violenta, è passata da una famiglia affidataria all’altra. Adesso però, finalmente ha trovato la sua Casa Per Sempre, un posto in cui si sente al sicuro, protetta, con genitori che le vogliono bene e si prendono cura di lei. È esattamente il tipo di famiglia che tutti i ragazzini nelle sue condizioni sognano… eppure lei ha altri progetti. Perché in quella vita perfetta manca qualcosa. Qualcosa di così importante che per riaverla è disposta a rubare, a mentire, ad approfittare della disponibilità di tutti quelli che le vogliono bene. Qualcosa per cui arriverebbe persino a farsi rapire.


Jane