domenica 23 agosto 2015

Recensione a confronto: "Quanto ti ho odiato" VS. "l'A.S.S.O nella manica" (libro VS. film)

Buon pomeriggio amatissimi Booklovers!
Oggi voglio parlarvi del libro "Quanto ti ho odiato" di Kody Keplinger da cui è stato tratto il fim, che sicuramente tutti voi conoscete già, "The Duff" o, in italiano, "l'A.S.S.O nella manica". Ho voluto leggere il libro prima di vedere il film perché è una mia ossessione... Non guardo mai un film tratto da un libro se prima non l'ho letto. Quindi dopo aver finito di leggere ho visto subito il film... E ora eccomi qui a parlarvene!










TRAMA

Bianca Piper ha diciassette anni, è cinica ma leale e sa benissimo di non essere la più carina tra le sue amiche. D’altronde sa anche di essere più sveglia e intelligente rispetto a molte sue coetanee, che si lasciano incantare dal fascino di ragazzi come Wesley Rush, il più corteggiato e viscido della scuola. Bianca infatti detesta Wesley. Ma dato che le cose in famiglia non vanno granché bene e Bianca è alla disperata ricerca di una distrazione, un giorno si ritrova a baciare proprio Wesley. E scopre che le piace! Tanto che, sempre più desiderosa di fuggire dai propri problemi familiari, finisce per farci sesso e per ricorrere a questo “diversivo” ogni volta che qualcosa va storto. Ma quando viene fuori che Wesley è bravo ad ascoltare e che anche la sua, di vita, è più scombinata del previsto, Bianca intuisce che la situazione le sta sfuggendo di mano e si rende conto con terrore che potrebbe essersi innamorata proprio del nemico.
RECENSIONE
LIBRO
Ho voluto leggere questo libro perché ne hanno parlato tutti benissimo, anche la nostra Luna lo ha elogiato (QUI), quindi ero molto curiosa di sapere il perché così tanta gente se ne è innamorata. Sinceramente mi aspettavo una storia del tutto diversa e soprattutto un po' più divertente ma devo ammettere che nonostante tutto ho trovato il libro davvero carino. Forse è un po' frettoloso e tutti i problemi si risolvono in men che non si dica (almeno questa è l'impressione che ho avuto io) però tutto sommato è una storia leggera, sicuramente adatta come lettura da ombrellone.
Quello che ho apprezzato maggiormente è stata la caratterizzazione
 dei personaggi; sono davvero tutti ben caratterizzati e diversi tra loro, ognuno con un carattere particolare e una propria storia dietro. E quindi ecco che abbiamo Jess, sempre solare e divertente, che odia la tristezza e che vive in una famiglia praticamente perfetta; Casey, la migliore BFF del mondo, sempre pronta ad ascoltare e a preoccuparsi per le sue amiche; Toby, colui che non ha neanche un difetto: bello, bravo a scuola, il cocco degli insegnanti, attivo politicamente, intelligente...
E poi ovviamente ci sono i nostri protagonisti: Bianca e Wesley.

Bianca, sempre cinica e con il broncio a causa di una brutta situazione familiare, sembra essere la DUFF (Designated Ugly Fat Friend) del gruppo. Personalmente non mi è piaciuta particolarmente come protagonista, forse perché è davvero di un cinismo troppo tagliente oppure perché la pensiamo diversamente su troppe cose, fatto sta che non mi è sembrata uno di quei personaggi in grado di restarti dentro. 

Wesley Rush invece mi è proprio piaciuto e mi ha davvero fatto ridere. Il super ricco donnaiolo della scuola in realtà nasconde un lato dolce e tenero che ho apprezzato moltissimo.
Di questo romanzo mi è piaciuta molto anche la crescita interiore di Bianca che ha imparato ad accettare se stessa per quello che è, riuscendo a fregarsene delle etichette che gli altri le affibbiano, perché in fondo tutti siamo dei DUFF, ci sarà sempre qualcuno che ci farà sentire inferiori ma l'importante è riuscire a non perdere noi stessi. E credo che sia questa la morale del libro. E' questo quello che vuole dirci Kody Keplinger con questa storia un po' banale ma in grado di insegnare molto.
Lo stile dell'autrice è semplicissimo, quasi come quello di una ragazzina, ma trovo che sia un bene dato che a raccontare la storia è proprio una ragazzina di 17 anni. Come dicevo prima, una pecca è che i problemi vengono risolti subito, nel giro di qualche pagina, e questo rende davvero tutto troppo semplice.
Io, personalmente, mi sento di consigliarvi questo libro se cercate una lettura leggera, un libro da leggere in poche ore o da portare con voi sotto l'ombrellone o in vacanza. E' una lettura davvero carina e molo piacevole; sicuramente ho letto libri migliori dello stesso genere ma questo non mi è dispiaciuto affatto.




VS.



FILM...

Sicuramente lo avete già capito dal trailer... Il libro e il film sono due cose completamente diverse. In comune hanno soltanto i nomi (in alcuni personaggi cambiano anche i cognomi) e il fatto che la protagonista sia la DUFF, qui tradotto con A.S.S.O (Amica Sfigata Strategicamente Oscena). Il film, in sintesi, ha la stessa trama del libro, ma trattata in maniera completamente diversa. Qui Bianca dopo essersi resa conto di essere l'A.S.S.O chiede aiuto a Wesley per cercare di cambiare e così facendo piacere al ragazzo per cui ha una cotta, Toby Tucker.
Stranamente mi tocca ammettere che quasi, quasi il film mi è piaciuto più del libro. Anzitutto Bianca, caratterialmente, è parecchio diversa rispetto a quella del libro, meno cinica e più divertente, e questo me l'ha fatta apprezzare di più. Anche lo stesso Wesley ha quel non so che di più divertente rispetto al Wesley del libro. In più i problemi familiari dei due protagonisti sono appena accennati ma, fortunatamente, non vengono trattati; addirittura qui Bianca vive con la madre piuttosto che con il padre, come è, invece, nel libro. Se nel libro sono proprio i problemi familiari a fare avvicinare i due ragazzi, nel film i protagonisti si avvicinano perché per un caso fortuito entrambi hanno qualcosa da insegnare all'altro. Anche i personaggi aggiunti solo per il film contribuiscono a renderlo molto più spensierato e divertente. Come, ad esempio, i professori e il preside che fanno davvero molto ridere.
Mi è piaciuto davvero molto e vi consiglio assolutamente di vederlo, se non altro per passare 1h40' tra le risate.
Ovviamente la morale resta esattamente quella del libro.
Mi sono piaciuti i cambiamenti e questo è davvero un caso raro perché solitamente non sopporto che i libri vengano modificati nell'adattamento cinematografico ma questa volta sono rimasta particolarmente e (soprattutto) piacevolmente colpita. Un'altra cosa che mi è piaciuta è stata la traduzione della parola DUFF in italiano; Sono convinta che rende di più se ascoltata nella propria lingua e il significato non cambia, cambiano le parole, è vero, ma il significato resta quello.
Quindi, non aspettatevi niente di simile al libro perché rimarrete delusi... Qualche scena è molto, molto, molto simile ma per il resto è tutta un'altra cosa.
Ecco un consiglio per quelli che  vogliono assolutamente leggere anche il libro: non affrettatevi a leggerlo prima di vedere il film perché essendo diversi non cambia niente se prima guardate il film.
E, diciamocelo, questi ragazzi della famiglia Amell sono uno più bello dell'altro!





Ecco il trailer del film
 



"Quanto ti ho odiato" e "l'A.S.S.O nella manica" sono davvero, davvero carini e, continuo a ripeterlo, piacevoli. Voi lo avete letto/visto? Che ne pensate? ;)



*Ginny*  

4 commenti :

  1. Ho comprato il libro qualche giorno fa e conto di leggerlo a breve, sono davvero curiosa. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando lo leggerai facci sapere che ne pensi che siamo davvero curiose ;)

      *Ginny*

      Elimina
    2. L'ho letto e mi è piaciuto molto, non me l'aspettavo! :)

      Elimina
  2. Ciao, che bella recensione *-*
    Per quanto mi riguarda ho preferito il film (non per Robbie Amell, no no), ma anche il libro era gradevole con questa protagonista nella quale mi è stato facile immedesimarmi :3
    Ho amato Wesley fin da subito: lui è Bianca sono stra shippabili, però le differenze con il film, se l'hai visto, erano veramente tante o sbaglio?
    Se vuoi sapere cosa penso di questo libro trovi la mia recensione Qui :3.
    Un salutone,
    _Rainy_

    RispondiElimina