venerdì 28 dicembre 2018

"Come sedurre il capo", il nuovo romanzo di Natasha Madison! Recensione - Review Tour - "Tempt The Boss"

Buongiorno lettori, 
con il titolo italiano "Come sedurre il capo", torna oggi la nostra amata Natasha Madison per la Quixote edizioni
Ho avuto la possibilità di partecipare e leggere il romanzo per questa recensione in anteprima e non vedevo l'ora di parlarvene!

Trama: Lauren

Tornare al lavoro doveva essere una transizione indolore, ma quando il mio nuovo capo si rivela essere uno stronzo arrogante e presuntuoso, la mia vita professionale si è trasformata in una vera tortura. D’accordo, averlo chiamato stronzo prima di sapere che fosse il mio capo non è stata la migliore delle scelte. Odiarlo dovrebbe essere facile. Solo che non avevo messo in conto che fosse così fantastico e affascinante, quando non mi provoca.

Austin

Mi aspettavo che la mia nuova segretaria fosse professionale e puntuale, ma finora ci sono stati solo occhiatacce e commenti sgarbati. Quella piccola furia meriterebbe il licenziamento, ma l’unica cosa a cui riesco a pensare è di farla piegare sulla mia scrivania e infrangere ogni regola che mi sono auto-imposto. Uno sguardo. Un tocco. Una notte. Se infrangiamo le regole, le nostre vite non saranno mai più le stesse.

Fortunatamente, le regole sono fatte per essere infrante. E poi, è così bello sedurre il capo.

"Tempt the boss", il titolo originale, era un romanzo di cui avevo sentito parlare spesso da chi legge in lingua, sfortunatamente io non sono così brava e quindi aspettavo l'uscita con ansia.
Natasha Madison è stata la prima autrice Quixote che ho letto, è stata un faro in migliaia di letture spente e noiose. Quando ho saputo del suo ritorno (quasi) non riuscivo a stare buona con la testa, immaginavo già quanto un altro suo libro mi sarebbe piaciuto... secondo voi, sbagliavo? 
In questo libro troviamo Lauren che ha due figli (Gabriel dieci anni e Rachel sei e mezzo), è divorziata e deve iniziare un nuovo lavoro. Il suo primo lavoro dopo dieci anni. 
Austin è a capo di un'azienda, è dinamico, preciso e una delle sue regole è "non scopare dove lavora". A quarant'anni ormai mangia, dorme e respira lavoro. 
Lauren è la donna lavoratrice che tutte dovremmo essere, è sincera e leale, ma si aspetta anche un grazie e un per piacere, non vuole solo ordini abbagliati, e soprattutto è vendicativa... molto. 

Fin dalle prime pagine i nostri protagonisti si ritroveranno a fronteggiarsi e a scontrarsi. Le loro scene sono comiche, si affronteranno a suon di dispetti e frecciatine. Ad un certo punto ho pensato "Ok, non possono più superarsi" ed invece eccoli lì a fare scherzi (a volte mooolto pesanti) per cercare di prevalere sull'altro. 
Le minacce di licenziarsi e licenziare risultano praticamente vane mentre cercano di quasi uccidersi. L'avete mai vista "La guerra dei Roses"? Ecco, io ho rivisto in quell'astio di odio/amore i nostri protagonisti. Inutili dirvi quanto mi sia divertita. 
La scrittura è dettagliata e non risulta pesante, lo stile della Madison è un concentrato di ironia e passione. Le sue scene hot sono veramente ben descritte e seppur non siano troppe sono molto ben dettagliate e molto lunghe. 
È come una droga dalla quale sono dipendente. In vita mia, non ho mai desiderato qualcosa così tanto.

Uno dei punti che non mi fa dare un voto a 5 stelle è sicuramente il ripetersi di alcune scene riviste nel pov alternato che, di solito, è quello che preferisco, ma in questo caso, come altre volte successo in passato, "rivivere" una seconda volta determinate sequenze mi annoia. Per fortuna parliamo di pochi capitoli e, ovviamente, l'intero capitolo non si concentra sulle stesse scene, ma solo all'inizio.
Ho apprezzato che l'autrice abbia inserito altre storie e le abbia rese parte del romanzo, anche se per alcuni aspetti avrei preferito che si rimanesse più sul vago solo per potermi godere poi la lettura di Noah con più gusto, è comunque riuscita a farmi amare non solo i protagonisti ma anche gli altri personaggi. Tutti, infatti, dal primo all'ultimo hanno una spessa caratterizzazione. 
Un libro che trasuda desiderio e che non ci farà mancare la nostra dose di Cooper Stone!!
Una lettura esilarante, romantica, piccante che consiglio a chiunque ami già la Madison, a chi vuole storie frizzanti, divertenti e con lieto fine. 

Il mio voto:

A presto!

giovedì 27 dicembre 2018

I libri più belli del 2018!


Il 2018 è, ormai, agli sgoccioli e, per noi, è tempo di tirare le somme. Quindi, tra tutti i libri che abbiamo letto quest'anno quali sono i nostri preferiti?


GINNY


Ho letto tanti libri meravigliosi nel 2018 e scegliere è davvero difficile. Vorrei dire uno dei libri di Sarah J. Maas, ma ve l'ho già citata lo scorso anno, quindi evito di essere ripetitiva e vi cito una serie MERAVIGLIOSA che ho scoperto grazie a booktube e che tutti dovete assolutamente leggere se amate il fantasy e Game of Thrones. Si tratta della Nevernight Chronicles di Jay Kristoff (Darkdawn deve ancora uscire, in realtà). Ho adorato ogni singola pagina, ogni scenario, ogni dialogo, per non parlare di Mia Corvere, la protagonista, che ho amato e amo follemente. Adoro il modo particolarissimo di scrivere di Jay Kristoff; il narratore è onnisciente e spesso commenta quello che succede, e fa davvero molto ridere!
LEGGETE TUTTI QUESTA SERIE.




LUNA




Il mio best book di quest’anno in realtà è una trilogia. Trovarne uno solo è davvero difficile, perciò ho deciso di puntare su quello che mi ha colpita di più durante l’anno, coinvolgendomi di più. Per questo motivo ho selezionato la trilogia di Megan March, composta da i libri King, Queen e Desire di cui trovate sul blog la mia recensione a quattro mani con Susan. La storia mi ha colpita  fin dalle prime pagine, ed era davvero tanto che un libro non mi prendeva in questo modo. Il genere è erotico, ma ha un retroscena mistery che mi è piaciuto moltissimo. Insomma non posso fare altro che consigliarvi tanto questa serie!




SUSAN


Quest'anno è stato ricco di letture, ed è stato abbastanza difficile dover scegliere solo alcuni libri da inserire nei top. Le mie letture non variano molto di genere, per cui ho cercato di scegliere romanzi diversi fra loro che potessero rappresentare diverse fasce di lettori. Come lettura per ragazzi, ho scelto "Ti ho trovato fra le stelle" un romanzo che mi ha appassionato e che ho trovato in qualche modo magico, e che rappresenta a pieno il mondo di oggi. Come erotic romance ho scelto: "For the love of english" di A.M. Hargrove che ho conosciuto con questa lettura uscita all'inizio dell'anno per la Quixote edizioni. È una storia dolcissima, dove un papà single incontra la maestra di sua figlia e per riuscire a mantenere la custodia della piccola decide di sposarla... una commedia che fa sorridere e che fa scaldare! "Perché la notte appartiene a noi" di Amabile Giusti è un altro romance che mi ha stregato, una lettura più introspettiva che ci permette di conoscere due dei personaggi che più mi sono piaciuti nella mia vita da lettrice. Ambientato in Alaska, è la lettura perfetta per chi cerca una storia con un mistero, un protagonista schivo, bruto e tenebroso e una dolce e gentile ragazza che combatte contro i suoi demoni. Se siete appassionati di letture dark dovete per forza leggere "L'esca" di Jade West. Un libro molto forte, con una storia diversa, lontana anni luce da ciò a cui siamo abituate. Anime nere e demoni interiori si scontrano in un presente fatto di segreti, perversioni e mistero.
LOTHIRIEL



Il mio libro top di quest'anno è una delle ultime letture che mi è capitato di fare. Si tratta di "Non chiedermi mai perché" di Lucrezia Scali, un romanzo forte e struggente che affronta una tematica per nulla facile come quella delle perdite delle persone care. Non è un romanzo leggero, di quelli che ti trasportano lontano dalla realtà, ma è una storia carica di emozioni che ci mette a contatto con la fragilità umana, sia fisica che emotiva. Una storia in cui si entra inevitabilmente dentro.
VIRGINIA


Fidanzati dell'inverno potrebbe essere la rivelazione dell'anno per gli appassionati di Fantasy che, come me, non riescono a lasciare andare le saghe oramai cult e col pensiero ritornano sempre a Harry Potter o Il Signore degli Anelli. Prima di leggere questo libro, non avevo ancora trovato una nuova saga Fantasy la cui storia riuscisse ad appassionarmi a tal punto da aspettare con impazienza l'uscita del secondo capitolo. Trama, personaggi, ambientazioni sono costruiti in modo magistrale. Domande che sorgono durante la lettura sono frutto di un progetto dettagliato: nulla è lasciato al caso. Figlie di una nuova era: Capita che si legga una storia e così, alla sprovvista, ci si senta coinvolti, come se quei personaggi e quei luoghi non li conoscessimo solo perché frutto di una lettura. La bravura di Carmen Korn non era un mistero, ma è sempre sorprendente quando una storia riesce a chiudere le porte del mondo che ci circonda per trasportati in epoche e luoghi impossibile da vivere realmente.




JANE




Se dovessi rispondere alla domanda "Qual'è stata il miglior libro che hai letto nel 2018?" la risposta sarebbe indubbiamente una sola: "Memorie di una geisha" di Arthur Golden. Il merito è tutto di Susan, che mi ha convinto a comprare questo libro e ad iniziare la lettura. Ambientato in una Kyoto pre e post seconda guerra mondiale, la storia della piccola Chiyo Sakamoto mi è entrata nel cuore. Grazie a Golden ho potuto conoscere un mondo che prima mi era totalmente sconosciuto, uno sguardo sulle tradizioni e la cultura delle geishe. Sebbene sia una lettura indubbiamente lunga, non si risente per nulla di questa caratteristica, anzi. Ho divorato le pagine con avidità e interesse, non riuscendo a smettere di leggere. Non mi resta che dire a voi ciò che mi disse Susan ormai diversi mesi fa "Memorie di una geisha è un libro che NON può non essere letto".









Avete letto questi libri? Quali sono stati i vostri preferiti dell'anno? Fateci sapere che siamo curiosissime ;)






*Ginny*

mercoledì 26 dicembre 2018

[Recensione] "Ivan. Her Russian Protector #1" di Roxie Rivera

Buon pomeriggio cari lettori!
Come state passando queste festività natalizie?
State leggendo? 
Io ovviamente si e confesso che non vedevo l’ora che arrivasse il 26 Dicembre per poter scaricare e leggere “Dimitri. Her Russian Protector #2” di Roxie Rivera.

E proprio per festeggiare questa nuova uscita ho deciso oggi di recensire per voi 
“Ivan”, il primo volume della serie Her Russian Protector.
Genere: Erotico
Prezzo: 2,99 €

Trama:

Erin Hanson è preoccupata per la scomparsa della sorella che da tempo frequenta un giro molto pericoloso. La giovane donna sa che l’unica persona alla quale può rivolgersi è Ivan Marcovic, inquietante e conturbante istruttore di arti marziali. Da uomini come lui bisognerebbe tenersi alla larga, perché Ivan nasconde un passato pericoloso legato agli ambienti malavitosi di Houston. Ma Erin, pur di salvare la sorella, è disposta a correre il rischio. Presto però, imparerà a sue spese che quando si chiede aiuto a un uomo come Ivan, bisogna essere pronti a pagare un prezzo, e per la donna la posta in gioco è molto più alta di una semplice somma di denaro…

Recensione.

Non avevo mai letto nulla di Roxie Rivera ed ero veramente curiosa di conoscere il suo stile, anche perché ne avevo sentito parlare davvero molto bene. Sono rimasta piacevolmente soddisfatta da "Ivan", anche se avevo capito che avrei apprezzato la lettura fin dalle prime righe perché inquadro subito se lo stile di scrittura incontra i miei gusti.

Sebbene sia un racconto, quindi sia di natura molto breve, non si ha la sensazione che gli eventi siano frettolosi e mal descritti anzi, sono accurati e ben costruiti e la stessa cosa si può dire dei personaggi. L’autrice utilizza uno stile semplice e piacevole, che porta dritto il lettore nella situazione, senza tuttavia forzare o affrettare i tempi cosa che spesso e volentieri oltre che infastidire causa spaesamento nel lettore. È come se fossimo partecipi di uno scorcio di vita importantissimo dei protagonisti, dove forti emozioni e eventi imprevisti colpiscano improvvisamente le loro vite, intrecciandole inevitabilmente.

Ho apprezzato i protagonisti, entrambi molto particolari e decisamente opposti fra loro.

Erin è una brava ragazza, fin troppo onesta e responsabile. Da quando i suoi genitori sono morti in un tragico incidente, passa la vita a tirare fuori dai guai la sorella Ruby, ormai diventata una ladra e una tossicodipendente. La sorella per la protagonista è sempre stata al primo posto, tanto che spesso ha sacrificanto sé stessa e le sue necessità, per aiutare l’unico membro della famiglia che le è rimasto. Coraggiosa e determinata non si tira indietro quando Ruby scompare in circostanze misteriose, che non preannunciano altro che guai. Si butta a capofitto in una ricerca disperata che la porta a chiedere aiuto a Ivan, il proprietario di una palestra di combattimento che gode di una pessima fama. Sebbene Ivan non sia la classica bellezza folgorante, i suoi modi sicuri e decisi colpiscono la protagonista nel profondo, intrigandola fin la primo momento. L'affascinante russo non esita un momento e decide subito che aiutare quella bellissima ragazza che si è coraggiosamente presentata nella sua palestra non è una scelta, ma una necessità. La ricerca di Ruby , che si è cacciata in guai ben più grandi di lei, li porterà a consumare una passione bruciante.

“Non sono il tipo di uomo che rinuncia a ciò che desidera.” 

“Un solo assaggio, e non sarò più in grado di lasciarti andare”.

Erin finalmente ha trovato nella sua vita un uomo vero, che è deciso più che mai a tenerla al sicuro e a proteggerla da ogni cosa. Sebbene il passato di Ivan le susciti un po’ di timore,la ragazza non si basa sull’uomo che è stato in passato, ma su quello che è oggi. A sua volta Ivan rimane stregato dalla bontà e dal coraggio di Erin, che nonostante tutte le difficoltà e i pericoli affronta la vita a testa alta. Ma quello che dovranno affrontare per salvare Ruby e ben più pericoloso di quanto possano immaginare.

Momenti di adrenalina e suspance si alternano a momenti di incontrollabile desiderio e frenetica passione, creando un mix esplosivo che incatena il lettore. Le scene erotiche, emozionanti e mai volgari, pongono l’attenzione su Erin, che per la prima volta nella sua vita scopre emozioni che mai pensava di provare, trovando un uomo più che mai intenzionato a dedicarsi a lei in tutto e per tutto. 

Una lettura bella, piacevole, che si consuma tranquillamente in poche ore.
Per questo il mio voto è:


Jane

lunedì 24 dicembre 2018

“LA CONVINZIONE DI NON ESSERE ABBASTANZA” di DEBORA MANZOLI [Segnalazione]

Buongiorno lettori, 

in questi giorni di riposo, voglio consigliarvi un titolo da preordinare... 
"La convinzione di non essere abbastanza" di Debora Manzoli è una storia toccante e introspettiva, oltre che a raccontarci la storia d'amore si parla di bullismo e di insicurezze.


SINOSSI:
Emily ha ventitré anni e nel suo appartamento di Winsburg vive una vita apparentemente perfetta: un lavoro come bibliotecaria, una famiglia amorevole alle spalle e la giusta dose d’indipendenza. Agli occhi degli altri si presenta come una ragazza decisa, forte e sicura, tutto quello che vorrebbe essere ma che in realtà non è.
Emily, infatti, nasconde un segreto: un odio verso se stessa radicato nel profondo, nato ai tempi in cui i suoi coetanei si prendevano gioco di lei e del suo aspetto.
Nonostante il suo evidente cambiamento fisico avvenuto negli anni, tutto dentro di lei è rimasto esattamente come allora e quelle ferite mai curate nel modo giusto sembrano inevitabilmente destinate a riaprirsi.
Un inaspettato tuffo nel passato e l’incontro con Samuel, un giovane scrittore esordiente del cui libro Emily s’innamora follemente, la portano a cadere in un tunnel di pensieri sbagliati e malsane decisioni.
Ora solo una forza immensa può salvarla, ed Emily di forza non ne ha proprio più.

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE:
Il libro si trova in campagna di prevendita su Bookabook e verrà pubblicato solo se i lettori mi daranno fiducia e riuscirò a prevendere il numero di copie prestabilito (in cartaceo o e-book è indifferente, dipende dalla preferenza dei singoli lettori) in un determinato tempo. In alternativa, se non riuscirò a raggiungere l’obiettivo, il libro non verrà pubblicato e a chiunque abbia già comprato una copia verranno restituiti i soldi.

Il volume in cartaceo costa 16 € mentre la versione in e-book costa 5,99 € e in caso di pubblicazione, il libro arriverà ad ogni lettore direttamente all’indirizzo inserito durante l’acquisto o attraverso l’e-mail a chiunque abbia acquistato l’e-book. 

Questo è il link dove preordinarlo e dove è possibile leggere in anteprima i primi tre capitoli:

A presto!


domenica 23 dicembre 2018

L’angelo con la pistola - Rita Mariconda [Segnalazione]

Buongiorno lettori, 

Oggi vi segnalo un romanzo uscito da pochi giorni: "L'angelo con la pistola" di Rita Mariconda, un self-published tutto da scoprire...


Data di uscita: 18/12/2018 
Pagine: 275 
Costo: 3,99 € ebook, 8€ per la versione cartacea

Trama:
“A chi non è mai capitato un momento sliding doors? Quando il destino ci si mette… 
Ed è proprio a causa delle porte scorrevoli di un treno che il destino si presenta nei panni dell’affascinante ficcanaso Sean. 
Angelica e Sean si incontrano-scontrano per caso. Lei è una ragazza brillante, dalla genuina innocenza, che vive in una realtà tutta sua, fatta di sogni e di carta stampata. La scoperta di un segreto custodito per anni capovolge completamente tutto il suo mondo. Lui, capitano della SAS, si trova coinvolto per pura curiosità in una storia intrigante. 
Conoscete il detto “quando si chiude una porta si apre un portone”? 
Beh... per Angelica si spalancheranno addirittura i cancelli di un sontuoso palazzo nel cuore della verde Scozia, dove l’affascinante capitano e il suo braccio destro tenteranno di proteggerla, soprattutto da se stessa. 

Quella che state per leggere è una favola moderna, condita con polvere di stelle di Natale, tanta ironia e soprattutto il lieto fine perché a Natale tutto è possibile … basta crederci.” 


Siete incuriositi da questo romanzo rosa che punta sull'ironia?
Vi lascio anche un estratto...

Da: Problemi in paradiso.
Angelica, che non aveva mai messo il naso fuori dal Paese, ma nemmeno fuori dalla
porta di casa, era completamente rapita da tutto quello che la circondava. Con la
mente aveva viaggiato tanto. Quando leggi, vivi mille vite, ma adesso che ne aveva una
nuova davanti, si sentiva euforica, voleva provare tutto. Voleva godersi appieno ogni
attimo in più che le era stato regalato, a cominciare da tutti quei dolcetti in bella
mostra in vetrina.


A presto!


mercoledì 19 dicembre 2018

Leggende natalizie - Merry Christmas Blog Tour - La Gilda delle blogger -

Buongiorno lettori!
Oggi con immenso piacere ci immergeremo nello spirito del Natale, con le "Leggende natalizie nel mondo" grazie a questo evento organizzato da "La Gilda delle blogger" che vi ricordo potete seguire su tutti i maggiori social!
Il nostro blog si occuperà delle leggende, ma vi invito a fare un giro anche sugli altri blog così da poter vedere anche i loro post!


Curiosando in giro ho trovato diverse leggende che mi hanno affascinata. 
La prima di cui voglio parlarvi è: LA LEGGENDA DELLO SPIRITO DELL’ACQUA, una leggenda di Natale norvegese.
Si mormora che nei boschi norvegesi si aggiri una bellissima Troll (che è un essere magico che non per forza somiglia a quello di Harry Potter), vestita di bianco e con lunghi capelli biondi. Hulda (questo il nome della donna Troll) è uno spirito dell’acqua e sfortunatamente per lei spesso e volentieri l’acqua in Norvegia si ghiaccia e lei rimane sotto gli strati di ghiaccio. Un giorno, era Natale, un pescatore volle portare a Hulda un dolce ma trovando il lago in cui viveva lo spirito completamente ghiacciato e non volendo lasciare il dolce sulla sua superficie, decise di fare un buco nel ghiaccio con il suo piccone. Scava e scava però il ghiaccio era veramente durissimo e il pescatore riuscì a fare solo un buchino piccolo piccolo. Mentre si arrovellava per cercare una soluzione dal buchino uscì una manina piccolissima e bianca che afferrò il dolce: questo allora per magia si rimpicciolì e passò dentro il buco. Da allora, ancora oggi, nel giorno di Natale è usanza portare allo spirito dell’acqua dei dolcetti molto piccoli, in modo che possano passare attraverso qualsiasi buco nel ghiaccio.

Dopo l'affascinante (?) donna Troll, voglio raccontarvi la leggenda più famosa riguardo al Natale... LA LEGGENDA DI BABBO NATALE!
Conosciamo Babbo Natale come il caro nonnino che porta i regali in una slitta trainata da renne, ma non è stato sempre così: a Korvantunturi, in Finlandia, dove si immagina che ci sia la fabbrica dei giocattoli di Babbo Natale una volta abitava Joulupukki (il nome finlandese di Babbo Natale) che non era però affatto così carino! Joulupukki infatti discendeva dai caproni che si dice trainassero il carro del dio Thor e quindi era mezzo umano e mezzo capra. Inoltre, distingueva sempre i bambini buoni da quelli cattivi, ma quando girava per le strade bussando alle porte regalava doni ai bimbi buoni e….frustava e rapiva quelli cattivi. Con il passare del tempo, lo Joulupukki ha perso le corna e ha assunto un aspetto più simpatico, mantenendo per un certo periodo la sua caratteristica “caprina” grazie alle capre che trainavano la sua slitta, poi sostituite dalle renne nell’immaginario comune.

E chi raccontarvi dopo Babbo Natale se non la Befana russa?
Anche in Russia c’è una Befana, o una “Donna del Natale”, come la chiamano i bambini. C’era una volta una signora che si chiamava Babushka, che era una grande massaia e aveva la casa più bella e pulita del circondario: passava il suo tempo a strofinare, pulire e spolverare qualsiasi cosa e quando non puliva e spolverava cucinava pietanze deliziose in grande quantità. La verità però era che Babushka era così presa da tutte le sue faccende domestiche perché cercava di non pensare a un grande dolore: aveva perso infatti da poco il suo unico figlio piccolo e la cosa la rendeva così triste ma così triste…che non si può dire quanto. Vi dico solo che aveva messo in un cesto tutti i regali del suo bambino e non aveva voluto vederli più, tant’è che erano l’unica cosa piena di polvere in quella casa. Una notte, mentre lei come al solito puliva e puliva, vennero a bussare alla sua porta alcuni pastori infreddoliti. Babushka era una brava persona e quando questi le chiesero un tetto sopra la testa e qualcosa da mangiare lei aprì la porta e li aiutò in tutto quello che poteva, chiedendo contemporaneamente “ma che ci fate fuori con questo freddo terribile? Siete matti?” I pastori le risposero che stavano seguendo una stella, una stella che indicava il luogo in cui era nato un bambino molto speciale, re del cielo e della terra e che se voleva sarebbe potuta andare con loro. Babushka rispose di sì ma in realtà era un po’ dubbiosa: un altro bambino? E se vederlo avesse risvegliato in lei quel dolore che cercava di sopire? Passò quindi un giorno a pulire tutta la casa di nuovo. Passarono altri pastori che la invitarono a unirsi a loro e lei continuò a rispondere che li avrebbe seguiti ma poi trascorreva un altro giorno a pulire la casa e non partiva mai.
Finalmente al terzo giorno decise di portare un regalo a questo bambino, andò al cesto dei giocattoli, li pulì tutti e partì alla volta della stalla…troppo tardi! Quando arrivò infatti Maria e Giuseppe se n’erano andati e Babushka, che era carica di giocattoli, rimase lì un attimo indecisa sul da farsi…finché non ebbe un’idea: avrebbe continuato a cercare questo bambino divino e a ogni bambino che avesse incontrato sulla sua strada avrebbe lasciato un giocattolo così, tanto per non sbagliare.

Per i più golosi, vi lascio anche la leggenda dei bastoncini di zucchero
Chi non conosce il famoso bastoncino fatto di zucchero, bianco e rosso a strisce? 
La leggenda narra che un pasticcere lo creò per ricordare Gesù alle persone. 
Questo bastoncino infatti racchiude in sé molti significati cristiani: 
-il caramello (di cui è fatto il bastoncino) rappresenta Gesù come la roccia solida su cui sono costruite le nostre vite;
-la forma a "J" sta per Jesus (Gesù) come anche la rappresentazione del bastone da pastore (Gesù è il nostro pastore);
-il colore bianco rappresenta la purezza e l'assenza del peccato; 
-le strisce rosse grandi rappresentano il sangue di Cristo versato per i nostri peccati;
-le strisce sottili invece rappresenterebbero i segni lasciati dalle frustate che Gesù ricevette dai soldati romani per ordine di Ponzio Pilato; 
-il sapore di menta piperita ricorda il sapore dell'issopo, che è una pianta aromatica usata nel vecchio testamento per purificare. 

Per chi non crede alla leggenda di Babbo Natale ho anche un'altra leggenda...
Attenzione al Natale in Islanda: nell’isola, il 25 dicembre è il tempo degli Uomini Yule. Sono 13 folletti che, accompagnati da un grosso gatto nero, visitato le case dei bambini. Coloro che hanno fatto i bravi saranno ricompensati con dei regali, mentre i cattivi otterranno patate; i peggiori verranno mangiati dal gatto nero.

Ed ecco, per ultima, la mia leggenda preferita!
Il Natale è festa di condivisione, non di ricchezza: a ricordarlo, la leggenda della stella di Natale, in Messico. La storia racconta come, tanti anni fa, una ragazza voleva portare qualcosa all’altare ma, essendo molto povera, non aveva potuto permettersi niente. Per non presentarsi a mani vuote raccolse alcune erbe selvatiche poi, una volta entrata in chiesa, le depose vicino ai doni dei ricchi del villaggio. Appena le piante si avvicinarono al presepe si trasformarono in bellissimi fiori rosso fuoco. Da quel momento, la stella di Natale si diffuse nel mondo, ricordando come il 25 dicembre non conta la ricchezza del regalo, ma la sincerità del donare.


Dopo tutte queste leggende, voglio anche consigliarvi una lettura da fare proprio nei giorni natalizi. "Scritto sulla neve" di Jenny Anastan è un romanzo uscito da poco (inizio mese), che mi ha conquistata per la sua semplicità nella scrittura e per le sue atmosfere tutte italiane. 

Nel libro incontriamo Elisa, lei è figlia di un importante notaio di Trento ma la vita che il padre ha pensato per lei non è quella che vuole vivere. Quella l’aveva trovata ad Andalo, nella magia dei paesaggi innevati delle Dolomiti, dove aveva incontrato Matteo e l’amore vero. Ma proprio quando sta per sposarsi, la sua famiglia la fa rientrare a casa facendo leva sui suoi sensi di colpa. Così da tre anni vive in gabbia: ha perso le adorate montagne, ma soprattutto l’amore del suo ragazzo e l’amicizia di una donna speciale, Anna, la zia di Matteo.
Un giorno, però, nello studio di un notaio deve confrontarsi con due novità sconvolgenti: Anna non c’è più, portata via da un tumore, e le ha lasciato in eredità il negozio e la sua casa ad Andalo. Elisa capisce che deve seguire la volontà della zia di Matteo anche se questo significa andare contro tutto e tutti. La scelta di Anna le darà la forza di lottare per una seconda possibilità, di fronteggiare momenti bui e scoperte sconvolgenti per fare in modo che la sua vita segua la strada che era scritta indelebilmente sulla neve.
Il pov è alternato, la scrittura fluida e semplice caratteristica di Jenny ha saputo conquistarmi come ogni volta.
Una storia di seconde possibilità, di scelte che non sempre ci rendono felici, di occasioni perse e altre lasciate andare. Una vita, quella di Elisa, che le è stata cucita addosso ma che non le piaceva, e che ci insegna a seguire i nostri sogni, a non accontentarci delle scelte che gli altri fanno per noi, a rischiare, a rimettere gli sci ai piedi e a lanciarci sulle piste. 
Un romanzo ricco di emozione, che mi ha sorpreso, non mi aspettavo la svolta improvvisa di segreti che si manifestano nel corso del libro. Ho trovato ben articolati gli squarci di passato, ben raccontati e che non hanno saputo annoiarmi.
Per la recensione completa vi invito ad andare QUI

Buone feste e buone letture!



lunedì 17 dicembre 2018

Review Party: "Dorina nel mare incantato di Capri" di Costanza Cerrotta

Buongiorno lettori!
Oggi ospitiamo il review party di un simpatico libro per piccoli lettori. Ecco a voi Dorina nel mare incantato di Capri  di Costanza Cerrotta.

Autore: Costanza Cerrotta
Titolo: Dorina nel mare incantato di Capri
Pagine: 102
Prezzo: 9,99€
Data di uscita: 6 settembre 2018

Trama:
E se un giorno la bella Sirena Regina del Mare di Capri permettesse ad una brava bambina di visitare i meravigliosi fondali marini? A Dorina è successo proprio questo: partire magicamente dalla sua stanza per un'avventura indimenticabile nel mare di Capri, accompagnata da simpatici personaggi. Gli imprevisti non mancano! Ma l'esperienza che vive Dorina, in compagnia della piccola stella marina, merita di essere ricordata per sempre.
Un racconto per bambini, scritto in italiano e in inglese, con venti disegni da colorare, in cui sono la fantasia e la magia a guidare Dorina nella sua avventura nel meraviglioso mare blu di Capri.

Ho sempre avuto un debole per i libri dedicati a piccoli lettori, affascinata dalla semplicità con cui alcuni messaggi possono essere trasmessi ai bambini. Dorina nel mare incantato di Capri è un romanzo che ha principalmente tre aspetti positivi.
Il primo è sicuramente la storia. Una vicenda semplice, ambientata in Italia, che mette a contatto il bambino con l'ambiente marino. Dorina è una bambina che adora leggere e ha un singolare sogno nel cassetto: diventare protagonista delle storie che tanto ama leggere. Quando accade, quasi non riesce a crederci! Eppure è successo proprio a lei: si ritrova catapultata tendo il libro che aveva cominciato a leggere, trasformata in una creaturina del mare in compagnia di una stella marina. Nelle pagine di questo libro il lettore può incontrare sia il mondo fantastico delle Sirene, sia il mondo reale del fondale, con i suoi pesci e i suoi coralli. Un'avventura di scoperta, dove si evidenzia anche un importante messaggio: valorizzare gli altri, renderli partecipi in un contesto di comunità. Nel tumulto che agita il mare a causa dell'inganno di alcuni pesci, la soluzione è rendere anche loro parte di quel mondo, senza lasciarli in disparte. Passaggio che forse poteva essere reso in modo più approfondito, in cui io personalmente mi sono persa e ho sentito come se mancassero alcuni collegamenti. 
Il secondo elemento è la doppia lingua. Avere la storia scritta in italiano nella parte superiore della pagina e in inglese nella parte inferiore è sicuramente un punto di forza educativo: avvicina i lettori a una lingua spesso considerata ostica, rendendola magari più familiare, anche se poco conosciuta.
Il terzo elemento sono le immagini. Adoro quando i libri sono interattivi e il fatto che vi sia la possibilità di entrare nella storia colorando i disegni che sono riportati è assolutamente fantastico! 

Nel complesso è un libro che consiglio se volete fare un regalo ad un piccolo lettore che ama leggere e adora i colori. Uno spunto di creatività e avventura!

Voto:

Lothìriel

[Recensione] "Misteriosa. Olga di Carta" di Elisabetta Gnone.

Buongiorno cari lettori! 
Manca poco a Natale e oggi vado a recensire, e a consigliarvi, una lettura che potrebbe essere un piacevolissimo regalo da mettere sotto l'albero! 

Vi parlo infatti de “Misteriosa- Olga di Carta”, il terzo volume della nuova serie scritta da Elisabetta Gnone. Eh sì, è proprio lei, la mamma delle gemelle Vaniglia e Pervinca Periwinkle. Sono emozionatissima all’idea di recensire questo volume perché Fairy Oak è una serie che da bambina ho amato con tutto il cuore e mi ha regalato tantissimi momenti piacevoli. Per questo ringrazio tantissimo La Salani Editore per avermi inviato il volume! 

Pagine: 192 
Prezzo: 12,66€ 
Data di uscita: 29 Ottobre 2018

Trama:

Per diventare splendidi adulti bisogna restare un po’ bambini. 
Il terzo libro della serie "Le storie di Olga di carta": una grande avventura tra realtà e fantasia 

Cosa significa diventare grandi? E come si fa? «Crescere è una faccenda complicata» direbbe il professor Debrìs, e Olga lo sa bene: per rassicurare una giovane amica, che di crescere non vuole sentire parlare, le racconta la storia di una bambina a cui i vestiti stavano sempre troppo grandi, anche se l’etichetta riportava la sua età, o la sua taglia, e che saltava nei disegni per fuggire dalla realtà. La storia di Misteriosa è la storia di chi fatica a trovare il proprio posto nel mondo, fugge da responsabilità e doveri, incapace di assumersene il carico, e combatte strenuamente per restare fanciullo. È anche, però, la storia di una bambina che non si arrende. Una storia che farà ridere, pensare e spalancare gli occhi per lo stupore; e che rassicurerà Olga, i suoi amici e i lettori di tutte le età su un punto, che è certo: per diventare splendidi adulti occorre restare un po’ bambini. 

Recensione. 

Come avevo immaginato Elisabetta Gnone non mi ha deluso. 
Il libro mi ha raccontato una storia bella, con la B maiuscola, di quelle che ti fanno fermare e apprezzare la semplicità e allo stesso tempo la specialità delle piccole cose. 

"Misteriosa" è una storia nella storia, una doppia avventura. Da una parte abbiamo Olga Papel e i suoi amici Bruco, Mimma, Mirina e Almares che durante le vacanze estive a Balicò decidono di fare una gita in montagna. Purtroppo però i giovani si ritrovano coinvolti in una spaventosa disavventura che li metterà a dura prova. Olga, famosa in tutto il paese per la sua capacità di raccontare meravigliose fiabe, racconterà la storia di Misteriosa, la ragazza dagli abiti sempre enormi in grado di saltare all’interno dei quadri, per cercare di distrarli dalle difficoltà del viaggio. Quanti di noi vorrebbero con un salto ritrovarsi nel più bel disegno mai visto o in uno dei quadri più famosi al mondo? Vedere il passato, ma anche mappe inesplorate, mondi fantastici e mai visti prima. Questa capacità di viaggiare nei dipinti le procura sempre nuove ed emozionantissime avventure, anche se a volte causa non pochi spaventi ai suoi genitori. I viaggi inoltre non sono visti di buon occhio dagli adulti, che crescendo, hanno perso questa capacità ritenendola futile e forviante dalla realtà.

Lo stile della scrittrice, esattamente come da bambina, mi ha incantata. Descrizioni accurate, che ti portano direttamente nella natura di Balicò con Olga, ma anche dentro ai meravigliosi dipinti assieme a Misteriosa, alternando mondo reale a mondo fantastico con grande facilità. 

Elisabetta, con due meravigliose avventure, ci insegna una lezione preziosa sia per grandi che per piccini. Ho amato molto il messaggio che ha voluto trasmettere perché rispecchia perfettamente il mio pensiero, la mia “filosofia di vita”: “Per diventare splenditi adulti occorre restare un po’ bambini”. È fondamentale infatti, secondo me, non lasciare mai andare quel lato giocoso, spensierato e allegro che ci porta a viaggiare con la fantasia. Attenzione però! Come ci ricorda l'autrice, è bene mantenere viva la fiamma della fantasia, ma non bisogna mai perdere di vista la vita reale. Viaggiare con la fantasia è giusto e salutare, ma non bisogna mai fuggire dalla realtà. 

“Misteriosa. Olga di carta” è una bellissima lettura sia per bambini che per adulti, che mi sento vivamente di consigliare! 

Per questo il mio voto è: 

Jane

venerdì 14 dicembre 2018

Recensione: "Dove finisce il cielo" di Katy Evans, finalmente torna in Italia la serie Real! Review Party

Buongiorno lettori,
come avrete avuto modo di leggere dal titolo oggi vi recensisco "Dove finisce il cielo" di Katy Evans che, finalmente, torna in Italia con la serie "Real", pubblicata inizialmente con la Piemme, con Newton Compton Editori. Se siete curiosi di sapere come ho trovato i nostri protagonisti basta continuare a leggere!!


Trama: Il vero amore può superare ogni ostacolo
Innamorata di Remington Tate, il campione di pugilato dei violenti incontri clandestini, Brooke sa che è necessario combattere per il loro amore. Stargli accanto come fisioterapista, infatti, l’ha resa più forte e più decisa che mai a non voltare le spalle al suo cuore. Remy è determinato a vincere il torneo e reclamare una volta per tutte il titolo a cui aveva dovuto rinunciare per amore di Brooke. Ma dopo un episodio in cui il disturbo bipolare di Remy esplode, il lieto fine non sembra più così scontato. Specialmente perché, quando Brooke scopre di essere incinta, lo stress dei combattimenti clandestini rischia di mettere la sua vita e quella di suo figlio in grave pericolo. Stare lontani significherà mettere il loro amore alla prova ancora una volta.
Un amore potente, imperfetto e reale che consuma completamente
Quando combatti per amore, lo fai fino in fondo.
Lo ammetto. Ho dovuto rileggere "Sei tu il mio per sempre", primo libro della serie che comunque si autoconclude, perchè erano passati troppi anni (tre circa) da quando l'avevo letto. Così l'ho riletto velocemente per ricordarmi di Remy e Brooke, dei loro alti e bassi, dei loro caratteri, della loro audacia. 
Dopo anni torniamo da Brooke e Remington, li ritroviamo praticamente da dove li abbiamo lasciati, la nuova stagione sta cominciando, sembra non siano passati nemmeno una manciata di giorni. 
Brooke è sempre la stessa. Ovvero, ogni sua parte del corpo pulsa di desiderio per Remy
Mentre Remy, beh lui è indomabile e incontrollabile. Nel primo libro avevamo scoperto che è bipolare, alterna quindi momenti di depressione fallimentare a eccitazione e forza. 
Entrambi stanno cercando di imparare ad essere amati ed a amare. Si ritrovano ad essere una coppia, e nessuno dei due sa come esserlo. 
Seppur il primo volume per me risulta imbattibile con la tensione sessuale, il lato oscuro di Remy ecc.. anche questo secondo volume della serie Real mi è piaciuto. È un libro che siamo abituate a leggere, per quanto mi riguarda, non ho trovato troppi colpi di scena, tutto è prevedibile, ciò non vuol dire meno bello. Sarà che aspettavo questa storia da anni, sarà che ho una passione per i pugili e gli sport romance, sarà che gli erotic romance sono il mio pane quotidiano, ma questa storia mi ha fatta sospirare anche se mi aspettavo molto di più. Negli anni le mie attese erano duplicate, ma cosa dico, moltiplicate ogni giorni che passava e che aspettavo la data di uscita. Per termini contrattuali, la Newton Compton, ha dovuto aspettare prima di pubblicare, ma sono felice che l'abbia fatto. La storia di Brooke e Remy meritava di essere raccontata in tutta la sua interezza. 
Non mancherà la sana dose di trash che compone questa serie di libri, alcuni fatti che accadranno in questo volume infatti mi sono sembrati molto sopravvalutati, ma non per questo non ho apprezzato lo svolgimento della storia anche se avrei preferito ci si concentrasse sul lato intimo (a livello emozionale  e caratteriale) dei personaggi protagonisti e non. 
La misura del tempo è ben scandita e la scrittura fluida.
Come nei migliori sport romance, non mancheranno i gerghi tecnici e le azioni sul ring. 
Le scene bollenti saranno molte (forse anche troppe secondo il mio gusto) e ben descritte, ho trovato anche il dirty talking più accentuato rispetto al primo libro.
Una storia con dei saliscendi.
C'è desiderio e ossessione nelle pagine. 
Ogni secondo che tu e io respiriamo, tu appartieni a me.

Ogni fantasia diventerà realtà. 
Leggere "Dove finisce il cielo" è stato come tornare a casa dopo una lunga corsa. 
È stato come annaspare in cerca d'aria, con i muscoli che tirano e la guance infuocate, eppure soddisfacente. 
Katy Evans è una delle regine del romance internazionale. E se amate il genere non potete perdervi i suoi libri. 
La fragilità di Remy traspare nelle pagine e la forza di Brooke viene trasmessa al lettore. 
Una marea continua di emozioni.  


Il mio voto:


Speriamo che la Newton non ci deluda e ci permetta di leggere anche gli altri tre libri della serie!
(3. Remy  4. Rogue 5. Ripped)





giovedì 13 dicembre 2018

Libri da leggere a Natale!

Buon pomeriggio, miei cari!
Il Natale è quasi arrivato, la casa si riempie di addobbi e di luci colorate, ci si appresta a comprare gli ultimi regali, a definire il menù per il cenone della Vigilia... Ma in tutto ciò, non sarebbe bellissimo poter leggere un libro a tema? Secondo noi sì, ecco perché, come avevamo già fatto per Halloween, oggi vogliamo consigliarvi alcuni libri che, secondo noi, sono perfetti per il periodo natalizio ;)





GINNY



Il romanzo che vi consiglio è Il castello tra le nuvole di Kerstin Gier, una scrittrice che adoro e che non mi ha mai delusa, con nessuno dei suoi romanzi. Questo, in particolare, è ambientato proprio a Natale, in un Hotel immerso nella neve che ricopre le alpi svizzere; la protagonista è spassosissima e la storia molto divertente. Perfetto per il periodo natalizio. Vi lascio QUI la recensione che ho scritto proprio qualche giorno fa.




LUNA




Questo Natale voglio proporvi un vecchio libro di John Grisham a tema natalizio. Coloro a cui piace il mistero non potranno non apprezzare la sua novella “ Fuga dal Natale “; da questo libro è stato tratto anche il film omonimo. Per una volta non ci sono omicidi ,ma comunque tanti misteri che, nelle notti fredde ed innevate di dicembre, ci stanno! Avventuratevi in una lettura differente dal solito, e poi, se vi è piaciuto, guardatevi il film!




SUSAN


I libri che consiglio di leggere a Natale sono quelli che ricreano l'atmosfera natalizia, ecco perché ho scelto due titoli (uno più recente e uno meno). "Natale a Puffin Island" di Sarah Morgan ci permette di sognare le atmosfere natalizie con risate e dolcezza. "Scritto sulla neve", uscito proprio pochi giorni fa, di Jenny Anastan, invece, ci propone una storia tutta italiana, piena di passione, amicizia e segreti. Un libro che mi è piaciuto molto e che consiglio!




VIRGINIA




Se posso scostarmi dall'ambientazione natalizia, direi assolutamente "Una ragazza come lei" di Marc Levy. Ho terminato la lettura qualche settimana fa, ma è una storia così bella che i protagonisti mi mancano.
LOTHIRIEL


Un bacio nella piccola bottega del tè di Caroline Roberts è uno degli ultimi romanzi che ho letto e mi ha inaspettatamente trasmesso la magica atmosfera e serenità del Natale. Questo è un periodo dell'anno che adoro, mi dona serenità e tranquillità anche in quelle giornate più stressate dalla vita quotidiana. Questo romanzo riesce a trasmettere le stesse sensazioni, trasportandoci in un pittoresco castello inglese, scenario di una dolce bottega del té e di romantici matrimoni. Un piccolo angolo di mondo che ho adorato da subito, nell'unione tra la dolce cucina di Ellie e le speranze delle celebrazioni che riusciva a creare. Una storia romantica, che riesce a trasmettere appieno la bellezza di questo periodo dell'anno e la capacità di rendere tutti un po' più buoni e felici.




JANE

 "Un regalo sotto la neve" secondo me è il romanzo perfetto da leggere sotto Natale. Il freddo, la neve, le difficoltà e le incomprensione tra Alex e Lochlan... Karen Swan vi delizierà con una meravigliosa avventura! Se foste interessati alla recensione completa e accurata potrete trovarla QUI









E voi? Avete da suggerirci qualche altro titolo a tema Natalizio? ;)










*Ginny*


mercoledì 12 dicembre 2018

[Recensione] Oltre le Nebbie del Tempo.

Buona sera cari lettori! 
Finalmente vi posso parlare, o meglio, recensire  “Oltre le nebbie del tempo”,  
un' opera che vi avevo già brevemente presentato in un precedente Blog Tour!


Recensione:

Innanzitutto devo lodare il team che si è impegnato a realizzare questo progetto, che ricordiamo, devolverà l’intero ricavato a Fondazione Telethon per sostenere la ricerca. Un proposito sicuramente ammirevole e decisamente un incentivo in più per acquistare il volume. 

Sono rimasta molto colpita nel vedere come 4 scrittori e 12 illustratori si siano uniti per realizzare un progetto così meraviglioso e, sopratutto, armonioso. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare infatti l’opera scorre fluida e naturale, non risentendo affatto dell’"elevato" numero di mani dalla quale è stata realizzata. Lo stile di scrittura è elaborato, ma non complesso, elegante e soprattutto misterioso. Per questo mi sento di fare i miei più sinceri complimenti a :Veronica De Simone, Madison Alyssa Johnson, Vy Lydia Andersen, Lara Nemain, Cristiano Ricci, Lucrezia Galliero, Beatrice Sammaritani, Carlotta Manzoni, Roberta Porpora, Donatella Inzerillo, Gabriele Maresca, Laura Di Giovanni, Maria Luisa Petrarca, Ninfa Bonanno, Claudia Fumagalli, Daniela Barisone .

I racconti, ventidue per la precisione, sono uno più bello dell’altro. Ovviamente per alcuni si può provare più simpatia o empatia rispetto ad altri, ma questo è soggettivo. Sono forti, allegri, tristi, e comprendono i più svariati argomenti: morte, rinascita, amore, odio, vendetta, giustizia, ingiustizia solitudine e tanto altro ancora. Sebbene siano tutti diversi tra loro e narrino ogni volta di personaggi differenti, caratteristica comunque è quella di mantenere la suspance fino alla fine e, in alcuni casi, la conclusione può risultare aperta a diverse interpretazioni. 

Misteri, intrighi, tradimenti, passioni e tantissimo altro sono contenuti in questo libro, allietato dalle splendide illustrazioni dei tarocchi. Esse infatti, una per ciascun racconto sono bellissime, di un’eleganza unica. Ho sempre avuto un debole per i volumi che includono delle parti illustrate al loro interno, ho sempre pensato che avessero una marcia in più e aiutassero il lettore a viaggiare con la fantasia, dando maggiore caratterizzazione a luoghi e personaggi.

Vogliate perdonarmi se la recensione è più corta del solito, ma ciò è dovuto in gran parte al fatto che mi è impossibile analizzare la moltitudine di personaggi che si vengono a conoscere durante la lettura, per quanto questi siano ognuno a modo loro interessanti e particolari.

Come alcuni di voi sapranno quando mi innamoro di un libro, sento l’esigenza di averlo nella mia libreria “fisica”, quella dei cartacei per intenderci. Vi dico solo quindi che ho apprezzato talmente tanto quest'opera fantasy da chiedere alle autrici di poter acquistare la copia cartacea. 

Consiglio vivamente la lettura a tutti coloro che siano in cerca di un tornado di emozioni.
Per questo il mio voto è: